C’è Scampia nel nuovo orizzonte del Sabato delle idee. Appuntamento in questo quartiere domani 2 dicembre, alle 10, con il pensatoio fondato da Marco Salvatore. Nell’auditorium dell’Istituto Galileo Ferraris, eccellenza del sistema scolastico campano (con quasi duemila studenti e una pluralità di indirizzi votati al futuro delle nuove tecnologie) in via Antonio Labriola.
Spiega Salvatore: «Non c’è banco di prova più adatto di Scampia per evidenziare quanto sia importante per Napoli passare dalle idee ai fatti».
Al centro della discussione I progetti di sviluppo e riqualificazione per il dopo Vele. La discussione sarà aperta dal rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro, dal rettore dell’Università Federico II, Gaetano Manfredi e dallo stesso Marco Salvatore.
Protagonisti anche gli studenti del Ferraris che hanno studiato in queste settimane di preparazione al confronto il progetto del Comune di Napoli “Restart Scampia: da margine urbano a nuovo centro dell’area metropolitana” che,  grazie al finanziamento del governo di 27 milioni di euro stanziati lo scorso marzo, dovrebbe finalmente dare il via, dopo oltre dieci anni di attesa dai primi progetti, all’abbattimento delle Vele e alla riqualificazione del quartiere agli inizi del 2018.
Alla tavola rotonda coordinata da Ottavio Ragone parteciperanno, tra gli altri: Pasquale Belfiore, presidente della sezione campana dell’Istituto Nazionale di Architettura, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris,  il presidente della VIII Municipalità di Napoli (Piscinola Chiaiano Marianella e Scampia) Apostolos Paipais insieme con alcuni dei rappresentanti delle migliori energie del quartiere.