A quattro anni di distanza dal loro esordio, i L  Nua pubblicano il loro secondo disco “Just for Taste”, 14 tracce musicali che comprendono accattivanti rivisitazioni di brani tradizionali, pezzi inediti e omaggi a Jethro Tull e Planxty, tutto all’insegna dell’alternative-trad strumentale. Il trio campano (foto), nato nel 2011 e subito lanciato in una ricca e soddisfacente avventura live, è stato immediatamente apprezzato per l’originalit  della musica creata, fragrante, speziata, ricca di aromi e profumi, che spazia dalla musicalit  manouche al rock virato in acustico, prendendo a prestito materiale acustico irlandese e inglese.
Un apprezzabile progetto "alternative-trad" che offre una versione diversa alla solita rielaborazione di materiale tradizionale, per acquisire, con l’uscita dell’ultimo album, una propria sonorit  ed un’acustica originale. Il gruppo, nato da un’idea di Gabriele Ivo Moscaritolo (fisarmonica e tin whistles), Giuseppe De Gregorio (percussioni e chitarra) e Francesco Brusco (chitarra e bouzouki) ha dato inizio a un percorso di ricerca musicale che, partendo dagli sviluppi contemporanei del folk irlandese, si allarga nel tempo e nello spazio verso le tradizioni bretoni, balcaniche e manouche, facendone confluire le influenze all’interno della propria musica. Come spiegato dagli artisti, L  Nua ha un duplice significato in senso letterale, in gaelico, significa “un giorno nuovo”, oltre ad essere anche il titolo di un album dei Lùnasa, uno dei gruppi che maggiormente, per loro stessa ammissione, li ha ispirato all’inizio del loro percorso.
Il gruppo si forma ufficialmente nel 2013, e gi  nell’estate successiva d  alla luce il primo disco autoprodotto; le nove tracce sono principalmente dedicate alla personale rilettura di melodie tradizionali irlandesi, ma gi  sono presenti due composizioni originali, Wishing Steps e While the snow goes away, particolarmente apprezzati dal pubblico. I L  Nua nascono come artisti “live” la cui naturale destinazione resta ovviamente il palco. E in effetti, il trio campano ha realizzato diversi concerti in ambito nazionale ed internazionale. Tra l’altro sia il primo che il secondo album, sebbene quest’ultimo in misura minore, restano fedeli alla musica “live”, capace di modificare sensazioni ed umore a seconda del setting e dell’ambientazione.
Nell’autunno del 2014 prendono il via le registrazioni del nuovo album, pubblicato dalla Rox Records di Milano nell’estate 2015. Just for taste, appunto, che gli artisti hanno dichiarato essere più maturo rispetto al primo, anche perch le registrazioni e la produzione hanno coperto un arco di tempo maggiore. Il primo album era quasi totalmente dedicato alla musica irlandese, pur sempre rivisitata, ma probabilmente in maniera meno personale rispetto a “Just for Taste”.
Dal punto di vista tecnico poi, mentre il primo disco è stato registrato praticamente dal vivo, “Just for Taste” ha avuto una produzione per cos dire più “moderna”; a parte “Twinkle of January” tutti gli altri pezzi sono stati registrati a tracce, cercando comunque di mantenere inalterato il feeling live. L’essersi affidati a un’etichetta discografica comporter  sicuramente una maggiore diffusione della musica dei L  Nua. Per chi volesse conoscerli, i tre artisti campani si esibiranno il 3 settembre a Caserta e il giorno successivo a Benevento.

Per saperne di più
www.facebook.com/la.nua.irishroots

Clicca il video