Il pensiero forse non salver  il mondo, ma potr  aiutarlo a guarire un piaga che lo tortura, l’indifferenza. Ne sono convinti in molti, tanto che Festival filosofici crescono un po’ dappertutto in Italia, grazie anche alla nascita delle scuole di alta formazione scaturite dall’intuizione, negli anni novanta, dell’avvocato Gerardo Marotta , gi  fondatore del prestigioso Istituto italiano per gli studi filosofici. Ultimo, in ordine di apparizione, quello che debutter  a Ischia dal 24 al 27 settembre con un titolo intrigante “La Filosofia, il Castello e la Torre. Dalla Torre (La Guevara nello scenario incantevole di Cartaromana) i filosofi che partecipano scenderanno, il 26, per fondersi simbolicamente nella piazza davanti al Castello aragonese (un tempo roccaforte di tutte le istituzioni, simbolo dell’importanza culturale dell’isola verde nel tardo rinascimento) con le persone cos la “madre di tutte le discipline” vuole avvicinarsi al grande pubblico.
A che serve la filosofia? Chi è il filosofo e che cosa fa? Domande cui cercheranno di dare risposta i protagonisti dell’evento. «Lobiettivo spiega l’ideatore del primo festival internazionale ischitano di filosofia, Raffaele Mirelli sar  proprio quello di espugnare la fortezza, la credenza comune legata al pregiudizio che vuole la filosofia sia un qualcosa di troppo astratto, una disciplina legata all’ozio e alle lite intellettuali. E di superare le difficolt  di applicazione della filosofia nel mondo professionale». Come dire? Cercare un’occupazione adeguata a chi la sceglie come corso di laurea, dimostrando che il filosofo può essere il mediatore, colui che insegna a ragiona e a pensare, anche nel nercato odierno E di ragionamento e di consapevolezza in questo momento di grandi incertezze e di “omologazione culturale” sempre più dilagante c’è davvero bisogno.
Una manifestazione che vuole andare oltre l’isolamento in cui si vuole confinare il pensatore. Lo dimostra la struttura organizzativa che punta su una rete l’iniziativa, che conta sul patrocinio dell’Istituto Italiano degli Studi Filosofici, dell’Universit  degli Studi di Palermo, allinea tra gli enti organizzatori il Centro Internazionale per la Ricerca Filosofica di Palermo, il Circolo “Georges Sadoul” di Ischia e l’Associazione Culturale Insophia. Ci sar  anche una “star” di richiamo per gli spettatori lo scrittore Erri De Luca, ospite atteso domenica 27 (ore 21), al Castello Aragonese dove interverr  parlando dell’ “utensile parola” dopotutto, la filosofia non è altro che “pratica della parola”. Seguir  la rappresentazione teatrale “Il viandante e la sua ombra, tratto dall’opera di Nietzsche “Umano, troppo umano”, rivisitata dal regista Salvatore Ronga.. Ma ci sar  anche spazio per l’arte visiva alla Torre Guevara saranno esposte le sculture di Gabriele Renzullo e le pitture di Manuel Di Chiara, in un viaggio creativo verso la conoscenza.
Tra i protagonisti dell’evento ischitano,il filosofo e numismatico svizzero Andreas Urs Sommer, autore di testi destinati al consumo pratico della filosofia come atteggiamento di vita; James Conant dell’Universit  di Chicago, tra i maggiori esponenti della filosofia contemporanea; Andrea Le Moli, professore associato di Storia della Filosofia presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Universit  degli Studi di Palermo, presidente e fondatore del CRF – Centro Internazionale per la Ricerca Filosofica; Giuseppe Ferraro, che insegna Filosofia Morale all’universit  Federico II di Napoli, portando la filosofia tra i bambini ma anche in carcere; Giuseppina Russo, direttore del Festival di Filosofia in Magna Grecia.
Sponsor principale, La fonte delle Ninfe Nitrodi, parco termale di Barano Ischia, suggello di un’alleanza necessaria tra corpo e anima. Sottolineata anche dalla campagna collaterale per la sensibilizzazione a una guida responsabile “Guida SI-Cura” una serie di pannelli saranno collocati in prossimit  di incroci e strisce pedonali con aforismi e frasi per far riflettere pedoni e automobilisti sull’opportunit  di attenersi alle regole della strada. Rispettando la vita degli altri. Cos suggerisce un pensiero responsabile. Che abbia cura del s, ma anche degli altri.

Par saperne di più

www.ricercafilosofica.it/ischiafilosofest

www.ricercafilosofica.it/ischiafilosofest/video-presentazione

In foto, Torre Guevara a Cartaromana