Il capocronista RadioRai Arcangelo Ferri presenta luned 16 marzo al bistrot letterario del Mercadante alle 17.30 il suo libro “Bombardate Auschwitz” (Il Saggiatore, pp. 178, euro 16, in foto la coeprtina). Lo affiancheranno nell’incontro la giornalista e scrittrice Titti Marrone e Francesco Soverina , ordinario di storia e filosofia e ricercatore dell’Istituto Campano per la storia della resistenza, dell’antifascismo e dell’et  contemporanea.
L’autore ripercorre la storia di un ordine non dato che avrebbe potuto salvare migliaia di vite. L’attacco aereo su Auschwitz era richiesto dalle organizzazioni ebraiche più influenti e dagli stessi deportati, che lo invocarono più volte come estrema speranza nella fase culminante della Shoah, tra il maggio e il novembre del 1944. Ma dagli alti comandi alleati l’ordine tecnicamente attuabile non fu mai dato.
Questo libro contiene molte domande e alcune risposte sul prolungato «silenzio degli alleati» e sulle responsabilit  morali di inglesi e americani, riassunte da Elie Wiesel in una frase «Quando vedevamo i bombardieri passare sulle nostre teste speravamo, pregavamo che colpissero il campo. Ma non l’hanno fatto…».
In appendice , I protocolli di Auschwitzil rapporto realizzato da Rudolf Vrba (nome di copertura di Walter Rosenberg) e Alfred Wetzler, due ragazzi fuggiti dal campo che fornirono agli alleati notizie sul posizionamento degli alloggi e delle altre strutture che però i liberatori non utilizzarono mai.