Nuova tappa per il libro di Mariacarla Rubinacci dedicato a un tema scottante e di grande attualit . Oggi, sabato 3 maggio, alle 17.30, il suo romanzo “Chi ha raccolto le conchiglie” (LCE Edizioni, pagg.117, 12 euro) sar  presentato all’associazione culturale lucana Giustino Fortunato in via R. Tarantino, 4 (Napoli). Con l’autrice ne parleranno Domenico Di Marzio, Donatella Gallone e Marisa Pumpo Pica. In un incontro curato da Monica Florio in collaborazione con il centro culturale Cosmopolis.

Rubinacci racconta una delicata storia d’amore fra due amiche, Sandra e Mara, conosciutesi da bambine durante una vacanza a Varazze. Filo conduttore sono le conchiglie, codice occulto di un dialogo iniziato nell’infanzia e ripreso nella maturit  quando finalmente una mano si chiner  a raccoglierle.

A dare il via alla narrazione è la dolorosa confessione di Sandra alla figlia Martina, all’oscuro della passione proibita vissuta nel silenzio da sua madre
che per lei ha rinunciato a seguire il proprio cuore, per diventare madre secondo le convenzioni imposte da una societ  perbenista e miope.

Milanese trapiantata a Napoli, Mariacarla, che ha alle spallle un solido percorso di scrittrice, riesce a far espandere i sentimenti della protagonista con una scrittura lieve e sofisticata allo stesso tempo, senza lasciare mai spazio all’anticonformismo di facciata, il peggior nemico della realt . Perch è proprio la realt  di un mondo complesso a prendere forma, attraverso l’amore, in queste belle e intense pagine.