Ideata e diretta da Anita Curci, la collana Serie Oro della casa editrice  Kairòs manda in libreria il quinto volume dedicato al teatro. Sotto i riflettori,  Peppino De Filippo – Tra palcoscenico e cinepresa nel saggio di Ciro Borrelli (euro18). Il libro sarà presentato sabato 18 novembre, alle 11, nel foter del teatro Diana al Vomero. Lucio Allocca e Annamaria Ackermann ne leggeranno alcuni  brani.
 Un omaggio a uno dei maggiori interpreti teatrali e cinematografici del secolo scorso. L’opera si compone di sette parti. La prima è una biografia sull’attore, la seconda concerne il rapporto artistico, e non solo, che Peppino ebbe con i due fratelli, in particolare con Eduardo, dalle prime collaborazioni fino alla morte.
Nella terza parte vengono esaminate cinque pellicole, poco conosciute, dove Peppino è coprotagonista, e non spalla, come nella maggior parte dei film in cui ha recitato. La quarta verte sulla carriera teatrale: qui vengono esaminate tre opere che rappresentano l’evoluzione e la mutazione artistica del De Filippo, dagli anni giovanili alla maturità. La quinta parte è dedicata alla maschera di Pappagone, nella sesta vengono riportati stralci di articoli di giornali pubblicati all’indomani della morte di Peppino. La settima parte, infine, raccoglie interviste a personaggi che hanno conosciuto o lavorato con l’artista.
Classe 1973, napoletano, Borrelli è dipendente pubblico, laureato in scienze storiche, scrive poesie e brevi racconti. Ha pubblicato delle poesie, insieme ad altri autori, in una raccolta, Poeti Contemporanei, con la casa editrice Pagine nel 2013. Ha pubblicato inoltre, per le edizioni il Papavero: Un’altra illusione nell’aprile del 2014 (illustrazioni di Roberto Carta), Racconti di un impiegato, nell’ottobre dello stesso anno, L’ultima vittoria nel novembre del 2015 (con prefazione di Arturo Scotto, capogruppo di Sinistra Italiana alla Camera dei deputati), e infine il romanzo, thriller/noir, Saulo, il male dentro nell’ottobre del 2016.
In foto, la locandina dell’evento