La XXII edizione del Maggio dei Monumenti 2016 (fino al 2 giugno) sar  all’insegna della cultura.
Dedicato al trecentenario della nascita di re Carlo di Borbone e al Settecento musicale artistico e culturale, con focus su Giovanni Paisiello a duecento anni dalla morte. Il programma di quest’anno è stato costruito con gli enti di alta cultura cittadina.

“Maggio… Senti nell’aria Napoli Capitale” è il titolo di quest’anno, l’Accademia di Belle Arti ha curato la campagna visiva e ancora le collaborazioni sono state con il teatro San Carlo, il Polo Museale della Campania, il Museo di Capodimonte, il Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella, la Biblioteca Nazionale, il Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus, la Fondazione Centro di Musica Antica Piet  dei Turchini, l’Associazione Progetto Museo, l’Associazione Domenico Scarlatti, l’Associazione musicale Golfo mistico e altre.

Anche per questa edizione, cardine del programma, si confermano le centinaia di visite guidate
tematiche a cura delle associazioni, delle cooperative e delle guide turistiche che vedremo passeggiare in lungo e in largo per la citt  omaggiando i luoghi di Carlo e quelli della musica del ‘700 nonch le bellezze infinite che Napoli offre tradizionalmente.

Di fondamentale importanza per il programma lo storico e meritevole progetto “La scuola adotta un monumento”
curato dalla Fondazione Napoli 99 con gli studenti delle scuole che moltiplicheranno esponenzialmente l’offerta delle visite guidate, con l’entusiasmo e lo stupore che solo i giovanissimi ci sanno regalare.
E ancora gli itinerari vichiani a cura degli studiosi del Certamen vichiano coordinati dal professor Domenico Bianco che si concluderanno con una lectio magistralis del professor Aldo Masullo sulla figura di Gianbattista Vico il 30 maggio al Convento di San Domenico Maggiore, prologo della Notte dei Filosofi che si terr  il 1 giugno.
e la collaborazione con l’Associazione di categoria delle guide turistiche abilitate che saranno presenti sul territorio in luoghi strategici.
Monumento d’eccezione con la collezione permanente da poco ampliata sar  il Maschio Angioino che far  da scenografia alla musica del Settecento napoletano con incursioni contemporanee di jazz e performance teatrali.

Napoli citt  di cultura e integrazione con la Giornata della Lingua e della Cultura Ellenica il 20 maggio
e per tutto il mese visite guidate sui luoghi di Belisario Corenzio a cura della Comunit  Ellenica di Napoli e della Campania..
Il Maggio dei Monumenti quest’anno sar  anche “kids” grazie al progetto “Napoli 4 families” nato per ampliare l’offerta turistica dedicandosi esclusivamente alle famiglie.
Domenica 29 maggio con il grande evento "Quando Napoli divenne Capitale" Napoli ricorder  Carlo attraverso un grande Corteo Storico commemorativo che culminer  in una festa popolare a Piazza del Plebiscito, battezzata “la Piazza incantata” dopo la meraviglia dei 13 mila coristi per il coro più grande del mondo dello scorso 9 aprile.

Per saperne di più
www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/29857

Nella foto, un punto di informazioni turistiche vicino al Duomo