Il Mercadante vola in Russia. Al Teatro Aleksandrinskij di San Pietroburgo. Un anno importante per lo stabile napoletano diventato da poco nazionale, iniziato con una tourne a Parigi con il Circo Equestre Sgueglia al Thtre de l’Athne, proseguito sempre a Parigi all’Istituto di Cultura con un racconto di La Capria e con Le sorelle Macaluso di Emma Dante in scena al Thtre du Rond Point, che si conclude con il debutto del Giardino dei ciliegi al Teatro Aleksandriskij, dove Cechov aveva il suo palco personale.
Lo spettacolo, firmato da Luca De Fusco e tradotto da Gianni Garrera, va in scena venerd 18 settembre alle 19 (con replica il 19 alla stessa ora). In scena Gaia Aprea nel ruolo della protagonista Ljiuba, Paolo Cresta (JaÅa) Claudio Di Palma (Lopachin), Serena Marziae (DunjaÅa), Alessandra Pacifico Griffini (Anja), Giacinto Palmarini (Trofimov), Alfonso Postiglione (PiÅcik), Federica Sandrini (Varja), Gabriele Saurio (Epichodov), Sabrina Scuccimarra (Å arlotta), Paolo Serra (Gaev), Enzo Turrin (Firs). Le scene sono di Maurizio Balò, i costumi di Maurizio Millenotti, le luci di Gigi Saccomandi, le coreografie di Noa Wertheim, le musiche originali di Ran Bagno.
Racconta la storia di Ljiuba, di ritorno in Russia dopo una lunga residenza a Parigi. Appresa la gravissima situazione debitoria e lo stato in cui versa il patrimonio di famiglia, è costretta a mettere all’asta l’intera propriet  con il suo bellissimo giardino. Ad acquistarla sar  il ricco commerciante Lopachin, figlio di un vecchio servo della nobile casata.
Primo passo della collaborazione con l’Aleksandrinskij. Spiega de Fusco «Avvieremo una attivit  di scambio tra gli studenti della loro scuola e della nostra scuola di teatro nonch una collaborazione artistica. Valery Fokin, che quest’anno è gi  presente nel nostro cartellone con Liturgia zero (in scena il 21 e il 22 novembre al Politeama), nel 2017 torner  a Napoli con una produzione in prima assoluta, cos come da Napoli torneremo all’Aleksandrinskij».