E’ una specie di patente. Di abilitazione nel circuito dell’arte quella che il Madre, tempio del contemporaneo a  Napoli e non solo, conferisce agli eventi che  non sono strettamente organizzati dalla Fondazione Donnaregina  di cui la struttura museale  è emanazione progettuale. Si chiama matronato  e  questa volta viene conferita alla manifestazione Illumina la notte con l’arte di Via Varco  in programma dal 28 ottobre 2017 al 6 gennaio 2018, nei comuni di Rotondi, Roccabascerana e San Martino Valle Caudina, in provincia di Avellino.
L’evento sarà presentato giovedì 19, alle 12, proprio nel palazzo di via Settembrini 79, con  i sindaci Pasquale Pisano (Comune di San Martino Valle Caudina)Antonio Russo (Comune di Rotondi) e Roberto Del Grosso (Comune di Roccabascerana) e il direttore artistico  dell’evento, Marco Tonelli. Ed è  finanziato dalla Regione Campania nell’ambito del POC 2014-2020 – linea strategica 2.4 “Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e cultura”
E’, infatti,  progetto regionale di rigenerazione culturale, urbana e turistica che prevede mostre e opere diffuse nei tre centri, lungo Via Varco. Gli artisti coinvolti sono:  Eugenio Giliberti (foto), Umberto Manzo, Perino&Vele, Lucio Perone, Peppe Perone: ognuno degli artisti produrrà un’opera che sarà collocata a Rotondi dal 28 ottobre.
Il 4 novembre gli artisti presenteranno i progetti dei loro interventi al pubblico al centro culturale di Cassano a Roccabascerana, e durante l’incontro verrà proiettato il film di Nicolangelo Gerolmini Irpinia che guarda il mare (2014).
L’8 dicembre  sarà allestita una mostra temporanea nel Villino del Balzo di San Martino Valle Caudina con la collaborazione della Pro Loco cittadina, con un omaggio al pittore caudino Salvatore Vitagliano. Infine, il 28 dicembre 2017 a Rotondi verrà consegnato un riconoscimento ufficiale allo scultore Luigi Mainolfi, nato a Rotondi nel 1948.