b>”Fermate Vesù, ca Napule è mia”
Ce steve pure je quando S.Gennaro dicette ‘sta parola nel 1390, mentre ‘a lava incandescente scenneva ‘a coppa ‘o vulcano ca sputava n’cuolle a citt  lapilli e fuoco ardente.
E mentre ‘o Santo cercava ‘e ferm  ‘o fiume omicida, adderete ‘a isso ‘na vucella querula e stunata, ‘na voce ‘e nata citt .
“Ehi, Santo cerca di non intervenire, fatti i cazzi tuoi”.“E pecchè”? rispunnette ‘o Santo. “Sta citt  è a mia”
‘Na resata brutta come era brutto isso accumpagnaie ‘e parole de l’omme ‘e nata citt .
“No, questa citt  è mia, me l’ha comprata il mio babbo per il mio compleanno, e sono stato io a comandare il Vesuvio perch deve far scomparire tutti i napoletani e qua verranno fabbriche e attivit  nuove, cambierò pure il nome della citt , invece di Napoli si chiamer  “Mannaggia ‘o Baccal “.
‘O Santo se abbuffaie comme ‘na zampogna e accuminciaie a jastemm  come ‘nu turco.
E fuje accuss ca ‘o Vesuvio se chiammaie ‘a lava e fermaie ‘o fuoco.
“Ma overo facite”? Eruttò il Vesuvio, inveendo contro i due.
“Ma vuje fusseve jute ca capa ‘n’terra? A citt  è a mia! A citt  è a toje! Ma n’zerrate sti vocche, a citt  è da citt “… A te- rivolgendosi all’uomo del nord -E a te, vrso San Gennaro… Invece ‘e te pigli  ‘a citt , pecchè nun te piglie ‘a fame, ‘a puvert  e te puorte. E ce lascie a nuje sule ‘e bellezze ca Dio c’ha regalato. Genn . figlio mio nun fa ‘o bbuono guaglione… Ossaie ca ‘na parte e colpe ‘e tene pure ‘a chiesa ca s’è mangiato ‘o cuore…Jatevenne, jatevenne tutti e duje”
‘O cielo se oscuraje, o Santo se ne jette, l’omm do nord dicette “Ma io non capisco, tutti si sono mangiati una parte di Napoli, i Borboni i Francesi gli Arabi…e perch a me niente?” … Babbo, questi non mi vogliono dare la citt …Mannaggia ‘o Baccal .

Nella foto, una veduta del Vesuvio dall’alto