Un triste dialogo tra uno specchio scostumato impertinente, è un uomo tradito è traditore, un triste dialogo tra l’uomo e la sua coscienza. L’uomo si rivolger  allo specchio lanciandogli una palla.La voce dello specchio sar  dello stesso uomo.

UOMO-Che debbo fare….caggia fa?(copre il volto con le mani….piange poi….) Sono malato, molto malato e non lo posso dire a nessuno…..a niscjuno…….Tu sei nu specchio cu ttè posso parlare; intanto tu rifletti…..tieni occhi, volti, corpi, tutti rinchiusi nel tuo scrigno segreto, di specchio serio….ma tu si nu specchio serio?

L’uomo lancia la palla e corre dietro lo specchio.

SPECCHIO-Ne fetent!E come ti permetti? Certo ca so’ nu specchio serio, da me si so venuti a confidare principi, politici, regnanti…e pure zezzusi comm’a tè!….Parla, ciata, dimme che vuò a me!E fai presto ca tengo da fare.

UOMO- Sto morendo (piange e lancia la palla)

SPECCHIO-He!Io me pensavo che cacchio tenevi.

UOMO- Una sera…’na brutta sera… incontrai a un party una donna bella… educata nel parlare, nel muoversi, persino il suo sorriso era educato… mi invitò a casa sua, e quando ci ritrovammo nudi sul letto lei cambiò!… Tutto il suo essere per bene cambiò… diventò… come dire…

SPECCHIO- ‘Na zoccola… ‘na porca.

UOMO-<7b< Gi ! E, quando tutto fin, mi alzai dal letto, mi rivestii, la guardai….era bella,un sogno.
Le chiesi di rivederci, lei chiuse gli occhi e mi disse”non mi rivedrai mai più… vai! Adesso vai… sono sicura che non mi dimenticherai mai”.
Andai via portandomi nella mente la sua cattiva risata.

SPECCHIO- Aggiù capito!T’ha regalate ‘a malattia.

UOMO- SPECCHIO- E tu l’hai preso a quel servizio….tal dei tali.

UOMO- Adesso chi glielo dice a mia moglie, alla mia famiglia, ai miei figli… cazzo, chi lo dice al mondo intero?

SPECCHIO–
Guardate a stù strunz,q uello pensa come giustificarsi …ca gente, quello tiene ‘nu pere jnte a fossa… e penza… a gente…

UOMO- Non capisci! Gi  che vuoi capire tu! Sei uno specchio, a te basta che ti puliscono, basta che la gente si riflette in te (arrabbiato) mangi,dormi, bevi e non sai da dove viene… che te ne frega a te se sto morendo.

SPECCHIO- E mò basta! E’ vero sono uno specchio, lo specchio dove tutti i vostri malesseri, le vostre frustrazioni, persino i mal di testa… mi guardate e dite (imitando)”a che mal di testa ca tengo stamattina”.
E io sto sempe cc  ad ascoltarvi ore, giorni, settimane, mesi, anni… sempe cc !

UOMO- Scusa….ma io sto morendo.

SPECCHIO- E vabbuò! Nun te pigli  collera… ma che me fai dire …mò nun se more cchiù ca malatia… un medico ca si specchiava d’inte l’anima mia mi disse che adesso ci sta l’inibitore della proteasi. Picciò!…. Nun si more chiù pienze sulo a camp  e po’ quande buono buono…. nu strunzo mancante n’coppe a faccia da terra…n’ato fesso ca va a raggiungere.. ‘o posto… ma poi che mi lamento a fare quando te ne sarai andato tu, un altro verr  a mirarsi…..e saremo punto e daccapo comme se dice pantarei!

UOMO- Secondo te!

Quanto è lontano il posto che dovrò raggiungere… e sar  molto buio… sar  cos terribile?

SPECCHIO- Spero ca no!
T’auguro ‘nu posto chine ‘e sole, fiori, coluri colorati, spiagge e mare cujeti, muntagne e alberi verdi.

UOMO- Quanto è lontana la mia vita?
Quanto è lontano il mio cuore?
Quanto è lontano il mio corpo?
Quanto è lontana la mia anima?
Quanto è lontano tutto quello che dovrò raggiungere?

In foto, uomo allo psecchio di Mino Ceretti