I solisti del San Carlo, diretti da Pasquale Menchise, si esibiranno in un concerto che propone brani dei grandi autori della Scuola napoletana (Niccolò Jommelli, Giovanni Battista Pergolesi, Domenico Cimarosa, Giovanni Paisiello, Johann Adolphe Hasse), revisionati da Ivano Caiazza.
Il repertorio è tra i più congeniali ai nostri solisti che, per storia, tradizione, identit  e tecnica sono da annoverarsi tra gli interpreti più ricercati per il programma proposto.

L’occasione riporta ancora una volta l’attenzione al prestigio e alla fama del Teatro San Carlo nel mondo.

«Stiamo lavorando a importanti tourne- afferma la sovrintendente Rosanna Purchia- che impegneranno il Teatro nel 2017, 2018 e 2019. Una progettualit  che viene accolta sempre dai nostri interlocutori internazionali con grande entusiasmo e immediatamente si percepisce quanto il brand San Carlo’ sia conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. L’appuntamento di Vienna porta alcuni dei nostri solisti, dell’Orchestra del San Carlo, ad esibirsi nel tempio della musica, luogo sacro non solo a Vienna e in Austria, ma in tutta Europa, a testimoniare l’apprezzamento per i nostri musicisti e la nostra tradizione».

A Napoli, invece, il massimo napoletano ospita
mercoled 28 settembre a Memus (Museo e Archivio Storico del Teatro di San Carlo), alle 16.30, la presentazione del libro "E Susanna non vien. Amore e sesso in Mozart",
di Leonetta Bentivoglio e Lidia Bramani (Feltrinelli 2014). Saranno presenti le due autrici, moderate da Titta Fiore, responsabile cultura e spettacoli del quotidiano Il Mattino.

www.teatrosancarlo.it
Nella foto, uno scorcio del San Carlo