San Gennaro in trasferta. Dal 30 ottobre 2013 al 16 febbraio 2014 la Fondazione Roma Museo Palazzo Sciarra ospiter  la collezione di arte orafa più importante al mondo, accanto a documenti originali, dipinti, disegni e arredi sacri.
la prima volta che il Tesoro di Napoli, oltre 90 opere, metter  piede fuori della cinta urbana partenopea.
Con venticinque milioni di devoti sparsi in tutto il mondo, San Gennaro è il santo cattolico più famoso e conosciuto di tutti.
Il presidente della Fondazione Roma Emmanuele F.M. Emanuele spiega che la mostra dedicata al Tesoro di San Gennaro si inserisce a pieno titolo nel progetto culturale promosso dall’ istituzione, che ha come obiettivo quello della diffusione dell’arte in tutte le sue manifestazioni, quale elemento di crescita sociale.
“Quest’attenzione al rapporto tra cultura e societ  rappresenta il trait d’union tra l’attivit  svolta dalla Fondazione e dal Museo di San Gennaro, che ha portato alla realizzazione di questo rilevante evento espositivo, permettendo al pubblico di ammirare, per la prima volta, opere che per la loro preziosit  e per la loro forte connotazione identitaria non erano mai state esposte al di fuori delle mura di Napoli”.
Un patrimonio incredibile, che si è formato in 1700 anni, superiore a quello della Corona d’Inghilterra e a quella dello zar, deve essere conosciuto in tutto il mondo e diventare il biglietto da visita per Napoli. Sono queste le parole espresse da Paolo Iorio, direttore del Museo del Tesoro di San Gennaro, alla presentazione del progetto
Mentre Riccardo Carafa (vicepresidente della Deputazione della cappella del tesoro di San Gennaro) sottolinea che le opere del tesoro di San Gennaro sono state prodotte tutte da artigiani napoletani, quindi l’esposizione fuori citt  degli ori sacri rappresenter  un volano anche per il rilancio del settore.
Il percorso espositivo ruoter  attorno ai due più straordinari capolavori del Tesoro la collana di San Gennaro, in oro, argento e pietre preziose, realizzate da Michele Dato nel 1679 e la mitra, in argento dorato, 3326 diamanti, 164 rubini, 198 smeraldi e 2 granati, creata da Matteo Treglia nel 1713, di cui quest’anno si celebrano i 300 anni della realizzazione.

In foto, la collana di San Gennaro