L’etica è donna, anche nel campo dell’impresa se ne discute oggi alle 17 in un incontro ospitato dalla biblioteca CEICC nella ex sede della facolt  di economia (Via Partenope 34).

Intervengono Clara Degni, Responsabile Biblioteca CEICC; Tina Ferrara, consulente direzione strategica d’Impresa, promotrice RetEuropa; Donatella Gallone, giornalista, imprenditrice editoria; Annamaria Schena,
Comitato pari opportunit  Unione industriali di Napoli, Paola Coppola, Docente Diritto tributario Universit  Federico II. Coordina Clorinda Irace, Presidente TempoLibero.

Titolo dell’incontro è “Le donne nell’etica di impresa. Anche le imprese pagano il 5 per mille” e l’iniziativa si inserisce nel calendario di Marzo Donna, progetto dell’Associazione Tempo Libero, il cui fine è “promuovere il dibattito sull’etica nei contesti economico produttivi al fine di far crescere negli operatori economici – lavoratori, dirigenti ed imprenditori – la sensibilit  a tali temi. L’impresa deve essere motore di benessere economico, sociale e culturale in una societ  in cui si perde sempre più la capacit  di costruire fondamenta solide, in cui sembra dominare la paura piuttosto che la capacit  di avere un positivo rapporto col futuro e in cui si fatica a vedere gli esiti delle proprie azioni”.

Le donne possono dunque essere il motore della ripresa economica, una ripresa che parte dalle persone e non dalla finanza, ponendo al centro la responsabilit  sociale e ambientale. Proprio all’interno dell’associazione è stata dunque promossa la formazione di un Comitato per l’etica d’impresa con lo scopo di individuare le iniziative imprenditoriali migliori sotto il profilo della sostenibilit  sociale ed ambientale e presentarle al meglio ad investitori e consumatori. Promuovendo un agire economico responsabile.

Il progetto, per l’anno 2012 2013, verr  sostenuto da privati, aziende, enti, desiderosi di accreditarsi come ETICI grazie al sostegno ad iniziative la cui finalit  etica viene garantita dall’associazione.

L’interesse concreto dell’iniziativa è dato dalla possibilit  di incrementare il proprio rating qualitativo, che alcuni istituti di credito valutano accanto ai dati quantitativi.

Appuntamento dunque a dicembre, con un primo focus sui progetti etici approvati, per fare il punto della situazione sul percorso di responsabilizzazione delle imprese e di valorizzazione delle best practices attive sul territorio campano.
L’evento è dedicato alla memoria dell’artista Annamaria Bova (nella foto) a un mese dalla scomparsa.