Genio e sregolatezza, mito e storia nella vita e nella opere di Michelangelo Merisi da Caravaggio, raccontati in una serie di incontri che la soprintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico, etnoantropologico e per il polo museale della citt  di Napoli dedica al grande maestro del Seicento per ripercorrere insieme le tappe salienti del suo duplice soggiorno napoletano e l’influenza che ha avuto nell’evoluzione della produzione artistica partenopea. L’organizzazione degli incontri è a cura di Civita; la realizzazione si è resa possibile per il diretto coinvolgimento della Regione Campania – assessorato al turismo e ai beni culturali, grazie al cofinanziamento dell’Unione Europea POR- FESR Campania 2007-2013.
Caravaggio raggiunse Napoli nell’ottobre del 1606; sul motivo della scelta di Napoli come rifugio(era in fuga per il recente omicidio commesso) sono state formulate diverse ipotesi, alcune molto recenti, che chiamano in causa l’intercessione di personaggi legati alla vita del pittore.
La Capitale del Regno delle due Sicilie ebbe sicuramente un impatto positivo sull’artista per l’atmosfera vivace e cosmopolita che si respirava nella citt : una vera e propria Capitale europea, dove gente d’ogni luogo affollava le strade e i mercati. Allo schiudersi del seicento Napoli torna a occupare un ruolo di primo piano aperto alla circolazione di opere e di idee che si andavano formulando nel resto d’Europa. Questo è il panorama culturale che si trovò davanti il Caravaggio durante la sua permanenza napoletana che costituisce l’episodio più rilevante della storia artistica della Napoli del 600. Le conseguenze della pittura caravaggesca non furono immediate ma nel giro di qualche anno la lezione di Caravaggio sort un effetto sconvolgente, con esiti che determinarono la formazione di una vera e propria scuola che annovera fra i suoi più illustri rappresentanti Battistello Caracciolo, Carlo Sellitto, Filippo Sanvitale.
Le tendenze naturaliste, che avevano attecchito in tutto il Meridione furono messe a confronto con una visione radicalmente innovativa del fare pittorico che stravolge convenzioni e canoni figurativi e proclama una esigenza di contatto immediato e diretto con la realt  che si intende rappresentare.
Gli incontri si snodano in due itinerari differenti sviluppati secondo percorsi in citt  facilmente percorribili a piedi e in un’insolita combinazione di conferenzaspettacolo dal titolo “Caravaggio, la rivoluzione dell’arte”, dove, a partire dalla visione dell’opera la Flagellazione seguir  un incontro di approfondimento sull’artista che prevede, accanto alla narrazione supportata da immagini, una performance teatrale di produzione del Teatro stabile di innovazione Le Nuvole, diretta da Fabio Cocifoglia e interpretata da Rosario Sparno.

Itinerario 1

Percorso: 1. Cappella del Tesoro di San Gennaro, 2. Quadreria dei Girolamini, 3. Pio Monte della Misericordia, 4. Chiesa di S. Paolo Maggiore, 5. Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, 6. Chiesa di San Domenico Maggiore, 7. Chiesa del Gesù Nuovo.
Date: 29 luglio (italiano); 5 agosto (inglese); 7 agosto (italiano);27 agosto (italiano), 2 settembre (inglese)
Orario: 10.30
Luogo di partenza: ingresso del Duomo
Durata del percorso: 2h.30′ circa

Itinerario 2

Percorso: 1. Chiesa del Gesù Nuovo, 2. Chiesa di Sant’Anna dei Lombardi, 3. Chiesa di Santa Maria La Nova, 4. Chiesa della Piet  dei Turchini, 5. Palazzo Zevallos
Date: 30 luglio (inglese); 6 agosto (italiano); 26 agosto (inglese);28 agosto (inglese); 3 settembre (Italiano).
Orario: 10.30
Luogo di partenza: ingresso della Chiesa del Gesù Nuovo
Durata del percorso: 2h.30′ circa

Nei giorni 5, 6, 7, 26, 27, 28 agosto si terranno presso il Pio Monte della Misericordia e Palazzo Zevallos degli approfondimenti gratuiti sui dipinti di Caravaggio qui conservati, Le opere di Misericordia e Martirio di Sant’Orsola e sulle istituzioni che le ospitano. Gli approfondimenti avranno inizio alle 10.00, 10.45, 11.30 e 12.15; la partecipazione non richiede prenotazione.

Caravaggio, la rivoluzione dell’arte
L’opera, la narrazione, lo spettacolo

Date: 5- 6-26 e 27 agosto; 2 e 3 settembre 2010
Orario: 17.50
Luogo: Museo di Capodimonte
Durata: 100 minuti

Per informazioni e prenotazioni: tel. 081 4976128
www.civita.it

La partecipazione agli itinerari è gratuita, le prenotazioni si chiudono il giorno antecedente alla visita prescelta; la partecipazione alla conferenza/spettacolo in Sala Causa è gratuita per i possessori del biglietto di ingresso al Museo.

Nella foto in alto, Alessio Boni nei panni di Caravaggio. In basso (foto di Maria Volpe Prignano), il fregio che orna l’ingresso della Chiesa del Gesù Nuovo, tra le tappe degli "Itinerari napoletani"