Il progetto Klab Kestè Laboratories nei due spazi di Pozzuoli (C.so Umberto I, 51) e Napoli (Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli) offre settimane ricche di eventi. Il Klab costola del Kestè prende corpo e si concretizza divenendo contenitore di arte, di musica, di cultura e spettacolo sotto le insegne di un laboratorio creativo e fervente di idee e progetti che spaziano in poliedrici campi in possono lavorare a diretto contatto esordienti e veterani. Prossimamente partiranno, nella nuova struttura del Klab e nei Kestè, corsi per dj, in cui per la prima volta in Italia, sar  possibile apprendere, tra l’altro, le tecniche del “video-scratch”.

“Da febbraio sottolinea Fabrizio Caliendo, ideatore del progetto – il Klab Kestè Laboratories, sar  una realt  operativa. Non più un soggetto, ma due cooperative, indipendenti da me, che lavorano insieme nella stessa direzione, con una comunit  d’intenti. Lavorare insieme e lavorare bene. Parole che, oggi a Napoli, possono sembrare fantascienza”.

Il progetto si impreziosisce con il Klab Magazine, mensile formato booklet in cui sono riportati tutti gli appuntamenti programmati, oltre cinquanta. Esso sar  disponibile, in formato cartaceo, presso i Kestè e in giro per la citt , oppure virtualmente presso il sito. Un magazine che ha gi  importanti partner nella produzione, tra cui Comicon, edizioni Graf, Fnac, Nocode, CO2.

Articolato e divisa per sezioni la programmazione del Klab che, oltre agli storici appuntamenti con la musica live (la domenica a Napoli) e le mostre (il venerd fra Napoli e Pozzuoli), si arricchisce di nuovi e ciclici eventi culturali.

Il marted a Napoli (dalle ore 19) è dedicato alla sezione “Book&Blabla”: novit  editoriali in uscita e testi gi  editi, o cataloghi fotografici e illustrazioni, diverranno spunto di dibattito in compagnia degli autori.

Il mercoled è dedicato alla musica, dalle 19.00 ogni settimana sar  presentato un nuovo lavoro discografico e poi, alle ore 22.30, il palco del Kestè Napoli ospiter  una band selezionata attraverso un bando. Mercoled 3 febbraio il primo “show-case” vedr  protagonisti “Iris’Tea” che presenteranno il loro ultimo album “Get The Sky’s Signs Tonight”, di recente pubblicazione. A seguire “I Two Left Shoes”, quartetto rock/indie che arriva dalla provincia di Bari, i loro testi raccontano delle giovani vite di tutti i giorni, tra sentimenti e storie.

Parallelamente al Kestè di Pozzuoli, sempre il mercoled, si avr  un nuovo appuntamento con la “Ludocena”, cena a prezzo fisso e serata ludica. L’associazione “GULP! La Tana dei Goblin Napoli” animer  le originali serate con giochi da tavolo “inusuali”, in cui sar  possibile essere guidati, in un vero e proprio “percorso di educazione ludica”.

Il gioved del Kestè Napoli è “Afrikè”: suoni, immagini, storie dell’antico continente che hanno contaminato le culture nel mondo. L’inizio è alle ore 19.00 con l’aperitivo etnico, si continua fino a notte con un viaggio attraverso i diversi generi musicali contaminati dal mondo africano. Sono previsti incontri, mostre, proiezioni e tanto altro, a sostegno dell’integrazione razziale e dello scambio interculturale.

Il venerd, fra gli spazi di Napoli e Pozzuoli, è dedicato all’inaugurazione delle mostre fotografiche. Gli appuntamenti mensili con l’arte diventano quattro, una produzione unica a Napoli, e forse in Italia.

La domenica il tradizionale appuntamento con la musica live al Kestè Napoli da quest’anno, si approprier  anche della sede di Pozzuoli con il live set. I live set sono dj set “arricchiti”, in cui musicisti, compositori e cantanti dei vari gruppi musicali presenteranno i brani che più li hanno ispirati e performances live estemporanee. Un modo per conoscere, più da vicino i gusti dei musicisti, cosa ascoltano e cosa li diverte.

Il primo appuntamento è per domenica 7 febbraio, al Kestè Napoli, il palco ospiter  la musica degli Gnut, mentre al Kestè di Pozzuoli, il primo live set sar  curato dai musicisti Antonino Talamo e Alberto Falco.

Il 12 febbraio, i Kestè aderiranno alla manifestazione “M’illumino di meno”, riproponendo la fiaccolata per uscire dall’oscurit , in piazza, al Largo del Kestè.

Marted 16 febbraio è tempo di Karnascialia, in altre parole il Karnevale al Largo del Kestè, tutti in piazza mascherati. Musica, scherzi e tanto divertimento. Per la serata ci sar  una speciale vigilanza per garantire divertimento ed evitare stupidi scherzi.

Nella foto in alto, la copertina del primo numero di “Klab Magazine”

Info
www.keste.it/joomla/index.php?option=com_morfeoshow&task=view&gallery=1

0815513984

klab@keste.it

www.keste.it

LA NOTIZIA Al Festival con Peppino

Melodie napoletane nella citt  dei fiori. Peppino Di Bernardo, cantautore partenopeo, vola a Sanremo (dal 15 al 20 febbraio, periodo del Festival del            6               la canzone) per promuovere alcuni brani del suo repertorio. Il cantante sar  seguito dalle telecamere per un programma in onda su Sky.

Visto di recente nel film con Mario Da Vinci, “La resa dei conti”, per fine anno uscir  con un nuovo album dal titolo “Ci vuole fortuna”.

Nella foto, Peppino Di Bernardo