Brandon ci ritenta dopo cinque anni, il sogno si colorisce di nuovi dettagli e un finale diverso. Questa volta il giovane Salvatore Dolmetti esce con il suo romanzo esordiente anche nella versione eBook (“Il sogno di Brandon” Book Sprint Edizioni pag. 340 Euro 19,10).
Il sogno per la musica, un tributo a Brandon Lee, una grigia periferia, un grande sogno che si materializza dopo tanta fatica.
Gli ingredienti di questo lavoro editoriale si muovono nella simmetria tra l’autore e il suo personaggio principale, tra un quartiere periferico che ha perso la capacit  di sognare e i luoghi della ribalta frequentati dalle rock star della musica, da un giovane sconosciuto, amante del “suo” sogno, del portato delle sue passioni, e le luci della ribalta.

Il sogno viene raccontato in maniera semplice ma penetrante, con maniera e garbo, con gentilezza e profondit . Una mano dalla penna “lenta” ma lungimirante, lunga.

Brandon sente subito il peso della sua condizione sociale, deve uscirne, non può più aspettare, deve trovare il riscatto. Cos una sera si “illumina” e pensa che una chitarra rappresenterebbe l’assalto al cielo per l’accesso alla musica, al rock, alla vita. Ma non ci sono i soldi per comprarla. Cos coinvolge i suoi due più cari amici, Morgan e Isabel, e prospettano il colpo del secolo. Svaligiare la cassaforte della scuola.

Detto fatto, in una notte tribolante di paura, ma anche di coraggio, ci riescono.
Ma il resto della notte riserva una sorpresa. Il bottino è cos magro tanto da soddisfare al massimo una bevuta, altro che sogno. Quei soldi verranno successivamente restituiti, il ragazzo sognante andr  a lavorare per riconsegnare il maltolto.

Brandon si divide tra Michelle, la sua ricca fidanzata, che sente di non amare, e la sua amica del cuore, quella che è sempre presente, Isabel, complice anche del “colpo della vita”.
Triboler , il suo cuore dovr  patire, come tutte le persone innamorate e non corrisposte. Tutto per un sogno, allora gli amici di scuola, a partire da Isabel, pensano di regalare quel sogno a Brandon. Una chitarra elettrica donata in una festa a sorpresa, per suggellare quel diciottesimo compleanno che ti fa sentire un gradino più su, più uomo, uno più grande. E’ l’inizio della vita agognata.
Il regalo più grande commuove Brandon, la chitarra elettrica. Rappresenta l’inizio del sogno, la speranza che si concretizza, la luna che si avvicina. Con gli occhi bagnati dal pianto interno il ragazzo di periferia ringrazia tutti e comincia a immaginare la nuova vita.
Brandon e gli altri due cattivi sognatori ora sono in un’altra dimensione; sala di registrazione, testi musicati, suono, dischi, affacciarsi al grande pubblico, riconoscenza.
Pensare la vita non è cosa facile The life is not easy thing, è questa la prima canzone del nascente album. I primi passi di rock a Grey Land, il grigio di un quartiere dormitorio si sostituisce a colori forti, si movimentano le serate, il pub del quartiere dove sono nati questi “cattivi sognatori” acquisisce una centralit , diventer  un ritrovo insostituibile. Si susseguono date, esibizioni, radio, vendite, classifiche, tour, popolarit .
Ma anche i primi affanni da “rock star”.
Innanzitutto l’intreccio amoroso che verr  complicher  di molto le cose. Si metteranno in discussione amicizie e amori, sostituiti da nuovi. Delusioni, amarezze, ma anche nuove vite che si affacciano.
Il finale riserva un vortice di emozioni che non possono essere svelate. Bisogna leggere per far s che rimanga qualcosa addosso.

In foto, la copertina