La conservazione e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale possono essere un motivo di crescita e sviluppo economico per una nazione come l’Italia, ricca di perle e tesori d’arte. quanto sostiene l’Aies, associazione italiana esperti scientifici, promotrice del secondo salone della valorizzazione del patrimonio culturale, che avr  luogo il 7 ottobre dalle 9 alle 16.00, negli spazi dell’NH Ambassador hotel di via Medina, Napoli. Un’adeguata valorizzazione passa necessariamente attraverso un ampliamento delle competenze professionali e il dialogo tra le differenti discipline che operano nel terziario culturale.
Uno degli obiettivi principali del salone è la messa in luce dell’importanza della progettazione, la cui mancata scansione nella legislazione vigente comporta spesso il suo accantonamento, con conseguenze catastrofiche ai fini di un’adeguata valorizzazione e per evitare lo svilimento delle competenze professionali necessarie. La valorizzazione del patrimonio culturale si deve invece percorrere alla luce della filiera concettuale diagnosi, conservazione e valorizzazione.
Il secondo salone chiama in raccolta le aziende, associazioni professionali, associazioni senza scopo di lucro e professionisti portatori di competenze innovative a illustrare servizi e prodotti. L’evento si muover  su tre direttici incontri business to business; un corso di aggiornamento professionale; tavoli tematici.
Gli incontri business to business hanno la finalit  di migliorare la conoscenza dei servizi di elevata qualit  offerti dal mercato utili per l’innovazione di processo, di materiali e metodologia; il corso di aggiornamento professionale è volto a favorire acquisizioni di competenze interdisciplinari per affinare la qualit  e l’importanza delle progettazioni; la creazione di tavoli tematici ha il fine di individuare quali sono le criticit  nella spesa pubblica che ostacolano una reale valorizzazione del nostro patrimonio culturale, di confrontare esperienze e studiare i modi per la promozione di professionisti operanti nel campo dei beni culturali.
Al momento sono stati decisi i seguenti tavoli tematici "Nuove tecnologie e progettazione europea a servizio della valorizzazione dei beni culturali", a cura di Pro Loco Capodimonte e Centro Storico di Napoli; "Il terzo settore a supporto dell’azienda cultura", a cura di Cittadinanzattiva Campania; "Strumenti innovativi per la valorizzazione e la sostenibilit  dei beni culturali", a cura di Valeria Romanelli.
Le aziende che parteciperanno possono predisporre in autonomia una presentazione dei propri servizi aziendali. I docenti del corso di aggiornamento dovranno presentare un ampia sintesi della loro lezione I tavoli tematici devono predisporre una sintesi delle discussioni svolte sull’argomento di competenza e dei documenti scritti.
Il corso di aggiornamento comprende il materiale didattico organizzato in pdf e l’attestato di partecipazione. Per poter ricevere i crediti formativi è necessario registrarsi all’indirizzo
formazione.chimici.it
L’iscrizione al salone è obbligatoria e deve essere effettuata inviando una e-mail a ciropiccioli@libero.it

Per saperne di più
www.diagnosisculturalheritage.com

In foto, una panoramica dell’anfiteatro Flavio di Pozzuoli