Omaggio a Totò di 16 artisti visivi e 12 poeti dal titolo “il riso nutre il corpo e lo spirito” su idea di Lamberto Correggiari e prodotto da Rec Program Lorenzo Di Guglielmo col patrocinio di Nino Daniele assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli. Le opere visive e testi poetici sono su 16 cartelli bifacciali del tipo di segnali stradali di cm.90 di diametro esposti negli spazi della nuova Galleria commerciale della Stazione di piazza Garibaldi, in piazza Municipio, al rione Sanit  dinanzi alla chiesa monumentale di Santa Maria. Tre spazi simbolo la stazione luogo di prima accoglienza per viaggiatori amanti del treno; la piazza tra Il Maschio Angioino e palazzo san Giacomo simboli di storia e cultura per le arti, la pace nell’ospitare e integrare etnie diverse per usi costumi religione; la Sanit  luogo di nascita di un uomo dalle origini nobili che non ha mai dimenticato la sua infanzia in un quartiere povero proletario ma ricco di testimonianze dei secoli del primo millennio d.C. “Signori si nasce e io lo nacqui”. Simbolico è anche il segnale stradale non può passare mai inosservato e rispettato.
Artisti invitati Luigia Sorrentino, Sergio D’Angelo, Franco Loi,Riccardo Dalisi, Maurizio Cucchi, L. Correggiari, Jack Arbib, Stefano Pizzi, Gabriele Frasca, Felix Policastro, Pietro Lista, Carlo Marcello Conti, Enzo Angiuoni, Bruno Galluccio, Ugo La Pietra, Pantaleo Musarò, Bruno Di Pietro, Vittorio Avella, Giuseppe Conte, Carla Viparelli, Lamberto Pignotti, Andrea Petrone, Mimmo Grasso, Claudio Cuomo, Giacomo Savio, Mario Persico, Francesco De Molfetta+Bean Manson, Sergio Zuccaro.
Il binomio poeti e artisti visivi sintetizza l’arte di Totò poeta, attore fantasista d’avanspettacolo e in caffè concerto, marionetta disarticolata, mimo, macchiettista, cantante, capocomico nel teatro di rivista. La sua filosofia ha contenuti ironici e beffardi, grotteschi e drammatici, ancorata a una tradizione popolare sublimata tra lazzi e sberleffi sciorinati in un linguaggio originale serio burlesco creativo ineguagliabile mai espresso in forma dialettale volgare o scurrile. Il tanto atteso omaggio a Totò, Principe della risata e Poeta della cultura partenopea sar , forse, a tempo indeterminato esposto nelle piazze cos come è nei cuori di tanti nel mondo.

Nelle foto, le installazioni alla stazione di piazza Garibaldi