Piero Zucaro, napoletano di nascita ma residente a Cosenza da venticinque anni, si occupa di comunicazione in ambito scientifico ma non ha mai tralasciato il suo impegno e la sua passione per la drammaturgia e la musica. “L’uomo di Turi” si ispira dichiaratamente alle “Lettere dal carcere ” di Antonio Gramsci e fa parte di un’ipotesi di lavoro e di studio più ampia dal titolo “Aspettando Gramsci…un’idea, un progetto, un viaggio”. Il libro sar  presentato oggi (ore 17) nella Sala della Loggia del Maschio Angioino di Napoli.

L’ambizione è proprio quella di recuperare il grande pensatore sardo, riproponendo l’attualit  e il valore della sua opera e del suo talento. Il lavoro teatrale di Zucaro si propone anche come uno strumento di consapevolezza storica e didattica rivolta in particolar modo agli studenti negli anni cruciali della formazione critica, vale a direa cavallo dell’ultimo anno di liceo e dei primi anni di universit .
Anche per questo ha volutamente tenuto presente l’opera di Peter Weiss ed in particolare il “Marat Sade”. Dell’autore tedesco, Zucaro sembra condividere infatti l’idea del teatro come documento e denuncia politica.

La manifestazione è promossa dall’Istituto Culturale del Mezzogiorno, dalla International Gramsci Society e dall’Associazione Ottavomiglio Laboratorio. Parteciperanno, insieme con l’autore del libro, Renato Carpentieri, Franco Iavarone, Manlio Santanelli e Pasquale Voza. Coordiner  Antonio Filippetti.

Nella foto in alto, Antonio Gramsci

FNAC,ARRIVA LA REGINA GIOVANNA

Luned 26 gennaio, alle ore 18.00, al megastore Fnac in via Luca Giordano, Napoli, Gloria Persico,scrittrice, psicologa e psicoterapeuta, presenta il libro “Giovanna la regina. Storia immaginaria e verosimile” (pagg.130,euro 14) per le edizioni Kairòs, nella collana di narrativa “Sherazade” lAll’incontro con l’Autrice interverranno la giornalista Antonella Carlo, Tjuna Notarbartolo e Romy Galassi che legger  alcune tra le più avvincenti pagine.
Fra storia e mito, l’autrice pone il ritratto di Giovanna I d’Angiò, salita al trono,a Napoli,ancora giovanissima, affascinata dal potere e uccisa per motivi politici all’et  di 56 anni. Tra le pagine, cariche di erotismo, una narrazione elegante quanto quella donna, fragile, sola e tormentata. Non più la crudele dark lady, che abbiamo sempre immaginato leggendo le sue spesso oscure vicende.