La vita aggredisce le donne e le donne reagiscono. Dopo un 2010 costellato di violenza e omicidi di minorenni (Yara, Sara) e la manifestazione delle donne scese in piazza in tutta Italia per protestare contro un sistema che le vuole oggetti di abuso e di potere, arriva l’8 marzo. Napoli, Spagna e Gioiosa Ionica (Reggio Calabria) unite da un unico filo conduttore il mondo femminile.

In occasione della giornata internazionale della donna, l’istituto spagnolo di Napoli, il Cervantes (in via Nazario Sauro 23), lancia un cineforum (dal 7 al 16 marzo) dedicato alle registe iberiche che costituiscono l’eccellenza della settima arte degli ultimi anni in Spagna. E l’8 marzo (ore 18), la tavola rotonda “Corpi Cuerpos”, racconti, romanzi, poesie, voci per spezzare il silenzio e il luogo comune sulla donna e sulle sue scritture.

Scendendo un po’ più giù lungo la penisola, a Gioiosa Ionica (Reggio Calabria, la soprintendenza per i beni storici, artistici e etnoantropologici della Calabria, diretta da Fabio De Chirico e il circolo di studi storici Le Calabrie, presentano, marted 8 marzo (ore 17.30), all’oratorio della confraternita dell’addolorat, “La donna e il dolore tra realt  e rappresentazione artistica – Donna de Paradiso … e lo dolor s’accende, ch’è plu multiplicato”.

L’incontro affronta il dolore secondo un’ottica multidisciplinare nella riflessione teologica (il dolore della Madonna come esperienza di salvezza), in ambito psichiatrico (l’approccio alla sofferenza nella prospettiva rigenerante della crescita e del superamento) e nella storia dell’arte (in particolar modo nelle rappresentazioni dell’Addolorata e della Piet ). Elemento comune delle riflessioni e fattore germinativo delle stesse è l’esperienza del dolore della Vergine Maria.

Del resto anche i versi di Jacopone da Todi, tratti dal celeberrimo Pianto della Madonna, richiamati nel titolo dell’iniziativa, celano una contemplazione profonda, realisticamente cruda delle sofferenze umane. Il dolore come espressione autentica dell’umano sentire; strumento di purificazione e di crescita e chiave di accesso all’approfondimento della psicologia nelle sue più recondite manifestazioni.

Nella foto, la locandina dell’incontro che si svolger  a Gioiosa Ionica

LA NOTIZIA VENTO E SABBIA

Oggi, mercoled 2 marzo (ore 18) alla libreria Loffredo di Napoli, in via Kerbaker 21(Vomero)
Aldo Putignano presenta “Vento e sabbia”, il nuovo libro di Domenico Infante (Scrittura & Scritture edizioni). Saranno presenti l’autore e le editrici Chantal ed Eliana Corrado.

I venti del Mediterraneo si fanno racconti. La Tramontana soffia pungente sulla storia di uomini e donne venuti da lontano, il freddo Grecale cerca il nome da restituire all’uomo senza nome, il leggero Levante spira sul sogno di volare di Paolo mentre l’umido Scirocco getta polvere negli occhi di un barbone. Il meridionale Ostro trasporta la storia di un vecchio e simpatico parcheggiatore abusivo, il rapido Libeccio racconta degli oggetti “rianimati” daTommaso e il fresco Ponente cambia il destino di una vita. Maestrale, il re dei venti, tesse il racconto dell’uomo del vento e del mare, filo di una ragnatela di infinite altre storie. I venti del Mediterraneo portano emozioni che lasceranno il lettore silenzioso e incantato spettatore della vita.