L’arte è un  vasto campo. Fugge il respiro corto delle azioni quotidiane e guarda lontano, verso un orizzonte dai colori intensi, forti, infiniti. Nell’arte ci si  tuffa come in un oceano rigenerante che accoglie il desiderio di movimento, libertà, espansione. Dove il tempo è una varabile estesa della  vita, senza  porre limiti o costrizioni. Così la interpreta il napoletano Antonio  Picardi che  vi si immerge come in un liquido amniotico rassicurante, coccolato nelle sue esigenze emotive, producendo visioni e forme. Che propone nella mostra Gioielli _ di/segni & libri d’artista, a Terracina, ospitata dall’Aqua art gallery (Corso Anita Garibaldi, 84). Dall’8 agosto (vernissage ore 20), fino al 3 settembre.
Picardi lavora nel settore della grafica e insegna discipline  pittoriche, ma non ha  mai  consentito ai suoi impegni professionali di imbrigliare i propri  pensieri, spaziando dalla creatività del gioiello alla fotografia “dilatata” dal suo terzo occhio, quello della mente, fino ai segni concepiti come arabesco del proprio vissuto.
Sperimentatore, con un significativo  bagaglio di esposizioni  nazionali, utilizza supporti differenti per esprimersi, sintetizzando l’universalità dei sentimenti in ogni dettaglio, oggetto, lavoro realizzato. Confermando quanto Napoli e la Campania abbiano da offrire al panorama italiano, ma  anche  a quello internazionale.
In foto, il gioiello secondo Picardi
Per saperne di più
infoaquaartgallery@gmail.com
Tel. 333 259 20 44
 www.aquaartgallery.com