Un’arte antica, quella dell’incisione è la vera protagonista della mostra personale di Erminia Mitrano negli spazi del MA, l’associazione culturale Movimento Aperto di via Duomo, con la direzione di Ilia Tufano. “Ου̉ρανοί” è il nome del percorso espositivo che si inaugura il 12 ottobre alle 17, composto da una singola opera pittorica e da una serie di incisioni di vario formato, realizzate negli ultimi anni di lavoro.
L’artista affida alla scalfittura del metallo, a differenti profondità e intrecci, alla capacità dell’inchiostro di insinuasi tra le pieghe del materiale la sua interpretazione del cielo. Tra le volute e i ricami dei cieli della Mitrano si nascondono i dubbi e le paure dell’io che in una realtà straniante, quella odierna, preferisce guardare in alto, come forma di difesa dal mondo.
L’esposizione è accompagnata dal testo introduttivo di Dario Giugliano (Im)possibilità dell’incisione: «I cieli che interessano a Erminia sono quelli interiori, e mi pare lo si veda chiaramente. Sono cieli aggrovigliati in matasse di segni, ingorghi e intrichi, viluppi, che evocano abbastanza facilmente l’immagine tipica che si ha del mondo interiore, di quello che con fortunata terminologia psicoanalitica si definisce inconscio. Guardare in alto serve a noi umani per guardare in noi stessi e scoprirci demidiati, scissi, divisi in noi stessi da noi stessi – lungo linee, solchi, tracce, segnate dalla mano che scava la materia».
Mitrano, nasce a Formia e completa il suo percorso di studi all’Accademia di Belle Arti di Roma. La sua ricerca punta sull’incisione come medium espressivo che approfondisce sotto la guida del prof. Pippo Gambino. Dal 2008 insegna all’Accademia di Belle Arti di Napoli come docente di grafica d’arte.
La mostra resterà aperta al pubblico fino a venerdì 3 novembre e in adesione alla IX giornata del contemporaneo Amaci e al weekend del Contemporaneo del Museo Madre, resterà aperta anche venerdì 13 e sabato 14 ottobre, ore 17-19.

“Ου̉ρανοί”
Movimento Aperto, via Duomo 290- 80138 Napoli
Orari: lunedì e martedì, ore 17-19;
venerdì, ore 10.30-12.30.
Info e contatti: 333 2229274
In foto, una delle opere in mostra