«Arte significa avere idee. Non è solo questione di tecnica». E’ un bimbo di sei anni a pensarla cos. E a dirlo in classe, nel secondo circolo didattico F.Giampaglia che frequenta a Ercolano, durante il progetto “Obiettivo Museo” che ha impegnato 480 ragazzini delle elementari. Confermando all’artista napoletano Luigi Filadoro, presidente dell’associazione culturale tant donnès che ne è l’artefice, quanto sia importante l’educazione dell’occhio allo sguardo, ci sviluppare sensibilit  visiva e allo stesso tempo creativa. Il risultato di lezioni/laboratorio durate per tutto l’anno scolastico (una volta la settimana per ogni classe) è di quelli straordinari, sintetizzato nella mostra “Ercolano dei bambini” che verr  inaugurata marted 31 maggio, alle 17.30, al Museo ercolanese Mav con un convegno dal titolo “Bambini a regola d’arte”. Protagonisti, oltre Filadoro Luisa Bossa, Luigi Caramiello, Eduardo Cicelyn, Donatella Gallone, Marisa Iavarone e Giovanna Tavani.
Piccoli autori in corteo
I piccoli autori di queste venticinque classi partiranno in corteo venerd 27 maggio alle 8.30, dalla scuola, per raggiungere il museo, in una processione gioiosa, una bella festa che precede un altro momento felice condiviso, quello dell’allestimento concepito insieme.
Da anni impegnato in progetti scolastici realizzati con fondi d’Istituto, Filadoro, attraverso la sua associazione , è anche promotore del concorso “Fuor d’acqua premio Vitaliano Corbi” , destinato sempre agli studenti con l’obiettivo di incentivare la fantasia, sviluppando il diritto di diccitadinanza contro tutto ciò che è illegale. Non a caso l’anno scorso, la manifestazione si è svolto in una location simbolica, il suggestivo castello mediceo di Ottaviano, confiscato al boss della Nuova camorra organizzata, Raffale Cutolo.
La fantasia aiuta a crescere
Cos la fantasia contamina il territorio e aiuta a crescere. Chi immagina che non sia alla portata di piccoli allievi una considerazione su Boltanski o Depero è fuori strada. Dell’artista parigino, con pap  ebreo e mamma cattolica, gli alunni delle quarte e quinte di “Obiettivo Museo” hanno conosciuto la tematica che gli sta più a cuore, l’Olocausto in particolare, scintilla per “Personnes”, l’opera presentata al Grand Palais nel 2010 in occasione della rassegna Monumenta un archivio del cuore e della memoria, un mucchio di abiti, afferrati da una gru, nel gioco del destino. Del pittore italiano, i più grandicelli hanno percepito la poetica dello stile soprattutto nei suoi mosaici. Immergendosi in un mondo delle meraviglie adatte a stimolare la loro capacit  di osservare e riflettere sul territorio.
Il sole, il mare e Creator Vesevo
Ercolano? E’ tante cose il sole, il mare, il Creator Vesevo. Ovvero quel parco della scultura contemporanea a cielo aperto con dieci lavori di firme internazionali , nato dalla mente dello scrittore francese, Jean-Nol Schifano, ma anche le ville del Miglio d’oro (la Favorita e la Campolieto ), nonch il rinomato mercato delle pulci di Pugliano. Oppure le colonne classiche che costellano il percorso dei ragazzini in una totale libert  che d  spazio all’ “inciampo creativo”.
Un tuffo nel fare
Imparare usando le mani, tuffandosi nel fare. E’ il principio di una didattica che invita alla partecipazione. Non esistono terre di frontiere che l’arte non possa espugnare tutti diventano protagonisti e sviluppano il senso della squadra, orgogliosi di contribuire, in ugual misura, al prodotto finale. Venticinque manifesti (su forex), frutto di una colorata armonia, generata da singoli pensieri e poi assemblata, cinque lavori interclasse dedicati all’ambiente circostante e il totem della legalit  , costruito intorno all’immagine (ripetuta, di Giancarlo Siani, il cronista del quotidiano Il Mattino, “giustiziato” dalla camorra per i suoi articoli che la mettevano a nudo. I bambini ci guardano, apprendisti del quotidiano. Mentre Ercolano d  lezione di futuro.

Per saperne di più
www.secondocircoloercolano.gov.it

Nelle foro, il lavoro creativo de bambini che esporrano i loro lavori al Mav (Museo archeologico virtuale) di Ercolano