L’identità nell’immaginario femminile, tra realtà e percezione del sé. È il tema del percorso espositivo Pink Me Not – L’identità femminile tra individualità e stereotipi a cura di Susanna Crispino. Una mostra collettiva inserita nella rassega Marzo Donna 2017 e che inaugura il primo giorno di primavera, martedì 21 marzo alle 17,00.

P-Caiazzo-autoritratto-part
P-Caiazzo-autoritratto-part

Adriana Del Vento, Angelo Ricciardi, Elisa Vladilo, Laure Keyrouz, Pasqualina Caiazzo e Vito Pace, sono i nomi degli artisti in mostra alla Casina Pompeiana della Villa Comunale, Riviera di Chiaia, chiamati a riflettere sul concetto di identità e su come viene costruita e percepita, nello specifico, quella delle donne.
Si può affermare che l’identità di un individuo coinvolga il Sé e l’Altro: il Sé ne possiede i principi, che esprime attraverso l’aspetto, il comportamento e lo stile di vita. L’Altro invece può solo percepirla attraverso le manifestazioni esterne e rielaborarla attraverso i propri valori, formazione e cultura.
L’identità femminile, soffre spesso del peso di stereotipi e preconcetti, i quali, per quanto possano mutare in base al tessuto sociale da cui provengono, sono allo stesso modo condizionanti, offrendo una maschera dietro cui nascondere le motivazioni più profonde dell’esclusione di gruppi sociali o di interi generi.

Certamente nel mondo occidentale grandi cambiamenti hanno portato la donna a liberarsi almeno in parte di quei vincoli che la volevano a tutti i costi limitata nell’intraprendere ruoli lavorativi un tempo appannaggio esclusivo dell’uomo. E tuttavia, è ancora lungo il percorso verso una completa eliminazione dei condizionamenti e delle visioni stereotipate. Difficile vincere il pregiudizio che vincola la donna a valori come bellezza, grazia, pudore, capacità di accudire gli altri. O ancora quello che le vede incapaci di assolvere a mansioni tipicamente maschili, magari per  mancanza di forza fisica o per caratteristiche intrinseche, come l’emotività eccessiva.

Pink me not, perché se il rosa è il colore tradizionalmente associato alla donna, l’arte lo rifiuta in favore di mille nuance possibili. La mostra è aperta al pubblico dal 22 al 28 marzo. È possibile consultare il catalogo sui seguenti siti: www.susannacrispino.com / www.baustellenbuero.com


Casina pompeiana – Villa Comunale, Riviera di Chiaia
orario: dalle 9,00 alle 18,00, dal lunedì al sabato
info: 081 795 44 95 – Fb Casina Pompeiana ASCN