Sparare diventa arte. Con il lombardo Angelo Brescianini (classe 1948) che venerd 15 aprile inaugura alle 18.30 la sua personale, “L’Angelo e la pistola” nella sede napoletana della Aica Andrea Ingenito Contemporary Art, in | Via Cappella Vecchia 8/A (P.zza dei Martiri) dove rester  esposta fino al 14 maggio. Dopo il successo registrato ad Arte Fiera Bologna lo scorso gennaio e al domicilio milanese dello stesso spazio artistico. In mostra si possono ammirare una ventina di sculture in acciaio, alluminio e rame “scolpite” in quel modo unico che contraddistingue il lavoro dell’artista bresciano con proiettili di armi da fuoco.
Elementi tridimensionali di valenza plastico-pittorica, quadri-oggetto nei quali la tela viene movimentata e sagomata acquisendo cos evidenza plastica e significato scultoreo, spesso in monocromo. Una modalit  espressiva che va alla ricerca dei complessi rapporti tra spazio-luce e forma. L’artista che riesce a fermare il tempo conducendolo in labirinti scanditi dal caso ma non dalla casualit . Vuole e ottiene la trasformazione del supporto e abbandona tela e telaio per lastre metalliche.

Frutto di lunghi anni di prove, errori e sperimentazioni, le sue opere dialogano idealmente con le lacerazioni inferte da Lucio Fontana alle sue tele
e rappresenta un’evoluzione delle esperienze balistiche di Niki de Saint Phalle che cercava l’istantaneit  del gesto, esplodendo i suoi tiri aleatori su sacchetti di colori e supporti preparati in precedenza. Nella fredda lastra l’artista veicola la luce che, intrappolata su una superficie più lucida e levigata, impreziosisce meglio l’effetto finale nella sua essenzialit .

Orari, dal marted al sabato 11-19
Chiuso domenica e luned

Per saperne di più
tel.081.0490829
www.ai-ca.com