A cena con creativit . Sabato 15 marzo 2014 alle 19 Linda Irace, presidente dell’associazione TempoLibero, presenta da Yao Restaurant (Via Posillipo, 319, Napoli) la personale di Gualtiero Redivo. L’associazione culturale TempoLibero nasce con il desiderio di trovare un "luogo", mentale e fisico, dove ritrovare insieme benessere e serenit  discutendo e confrontandosi, un buon auspicio per quanti di tempo libero da dedicare alle proprie passioni, ne hanno davvero poco.
L’associazione, senza scopo di lucro, si sviluppa dall’ esigenza di ricercare spazi di relax creativo, di ritagliare qualche ora da dedicare alla cultura, al fare, al conoscere, all’informarsi, allo scambio di idee Molti i temi a cui dedica la propria attenzione attraverso manifestazioni, eventi, percorsi per la scuola e cos via. In particolare, questa mostra appartiene a un progetto che è partito lo scorso anno e ha visto gi  diversi artisti esporre le proprie opere da Yao Restaurant, un locale concepito da giovani che offre una cucina originale , dalla pizza al sushi passando per il ragù, in un ambiente moderno e accogliente, impreziosito appunto dalle opere degli artisti selezionati dall’associazione TempoLibero.
Un progetto che unisce arte e cibo, ma soprattutto un modo per poter visionare opere d’arte in luoghi insoliti, anche per un pubblico di non addetti ai lavori. Gualtiero Redivo, protagonista dell’evento, nasce a Genova nel 1946 e dopo qualche anno con la famiglia si trasferisce a Roma. I primi lavori, che vengono realizzati in ambito figurativo con l’impiego di colori a olio, risentono degli influssi di Modigliani e successivamente hanno trovato ispirazione nell’espressionismo tedesco. Presto l’interesse si concentra però sull’utilizzo di materiali eterogenei, poco legati alla pittura tradizionale, portandolo ad esprimersi in un ambito polimaterico.
Graffiando l’intonaco dei muri, infatti, l’artista ha ricavato polveri colorate che poi unite a collanti hanno fornito la materia pittorica delle sue opere in quel periodo. Vengono anche impiegati legni, pacchetti di sigarette, mattoni, gesso, maglie di ferro, poliestere e soprattutto oggetti dismessi-rifiuti per comporre strutture geometriche alla ricerca di altre forme. Nel 1969 partecipa alla prima mostra una collettiva universitaria al Palazzo delle Esposizioni di via Milano a Roma. Consegue la laurea in matematica all’Universit  degli Studi di Roma "La Sapienza" e inizia subito a lavorare presso un primario Istituto di Credito come informatico e successivamente come analista di automazione e organizzazione. Il lavoro lo impegna molto, dipinge ma in modo saltuario, anche se continua sempre a seguire la dinamica del mondo dell’arte. In questo periodo partecipa solo a mostre collettive.
Nel 1996 sente però il bisogno di impegnarsi con maggiore continuit , prendendo parte ad alcuni concorsi, promuovendo le sue opere presso alcune gallerie, tra le quali la Galleria Vittoria (RM), e frequenta alcune accademie allo scopo di confrontarsi con altri artisti. E’ in questo periodo che la sua arte matura. Nasce da qui lo stile del nodo’. “Il nodo è interessante come simbolo di ambiguit , in quanto è contemporaneamente unico e molteplice racchiudendo in s più significati allo stesso tempo. Per tale caratteristica esso incarna efficacemente l’idea di complessit  della condizione umana”.
Nel 2001 realizza la prima mostra personale di una certa importanza, con patrocinio e contributo della Provincia di Roma, a Palazzo Valentini – Roma. Nel 2002 gli viene conferita la medaglia d’oro al 48 Premio di Pittura Citt  di Pizzo Calabro – Vibo Valentia. Nel 2003 e nel 2009 l’ENAP (Ente Nazionale di Assistenza e Previdenza per i Pittori, gli Scultori, i Musicisti, gli Scrittori e gli Autori Drammatici) gli conferisce il premio di operosit . Nel 2013 inizia la collaborazione con Gall’Art con la quale partecipa alla fiera AAF Bruxelles e con l’Associazione TempoLibero con la quale partecipa a Incendium, mostra (con asta) al PAN – Palazzo delle Arti di Napoli – per la raccolta di fondi per la ricostruzione della Citt  della Scienza di Napoli.
Da Yao espone la sua ultima produzione su “L’intelligenza dei NODI”. Cibo e arte in un connubio insolito per godere di serate speciali all’insegna dell’arte culinaria e delle arti visive. Le opere saranno visibili dal 15 marzo al 15 aprile 2014, tutti i giorni dalle 15,00 alle 19,00.

Per saperne di più
www.gualtieroredivo.it

Associazione TempoLibero (Via Nuova Pizzofalcone, 14 Napoli) info@associazionetempolibero.it

3351314431/ 0817641195

INTRAGALLERY/ECCO IL FATTORE D

Fattore D è la mostra che s’inaugura sabato 15 marzo alle 11.30. A presentarla sar  Linda Irace, presidente dell’associazione TempoLibero. L’artista Raffaella Campolieti, che da anni si concentra sul volto delle donne, propone dieci ritratti di donne comuni che per qualche motivo hanno c            6                 è« «    oè  á«sptBLlibrineBlinkBBolpito la sua attenzione. La affiancano dieci jewelry designer Rosalba Balsamo, Paola Barrotta, Silvia Beccaria, Patrizia Casamirra, Sandra Dipinto, Francesca Gabrielli, Michele Iodice, Simona Ottieri, Cristiana Sorrentino, Agostino Vitolo. In esposizione anche l’opera in ceramica “Woman’s hands di Clara Garesio”.

Intragallery, via Cavallerizza a Chia 57, Napoli, tel.081415702, info@intragallery.it

Articoli precedentiLa mostra Moio&Sivelli sull’Adriatico. Con un volo di gabbiano
Prossimo articoloFondazione Valenzi Fernando Alfieri e l’elogio del Pianeta Terra. In immagini