b>Riceviamo e volentieri pubblichiamo la poesia del giornalista, commediografo, scrittore e poeta napoletano Carmelo Pittari prescelta al convegno dell’associazione nazionale poeti e scrittori dialettali di Vieste (FG) Maggio 2012

A Furtuna…

io l’aspetto
ma quanno vene? Ma addò st ?
Ma chedӏ a furtuna?
E’ nu raggio e sole ca te schiara a via?
Na tempesta e viento ca te cagna a vita?
Na stella e mare ca t’aonna e bbene?
O Banco lotto, a Sis l,

o Superenalotto, a Lotteria…

chi o ssape chi vence.

‘Na schedina

ogne semmana,

so’ gi  trent’anne

e io aspetto ancora.

Ogne semmana gioco,

arapo a porta

e si nu juorno trase,

io a ringrazio,

l’abbraccio, a stregno forte,

a vaso nfronte, le vaso e mmane.

A furtuna esiste !

Ce vede, nun ce vede,

scenne d”o cielo,

esce a int”o mare,

nun me mporta che fa!…

Signora Furtuna

io stongo cc .

La fortuna/io l’aspetto/ma quando viene?/Ma dove sta?/Ma che cosa è la fortuna?/Un raggio di sole che ti illumina la strada?/Una tempesta di vento che ti cambia la vita?/Una stella di mare che ti inonda di bene?/Il Lotto, la SISAL,/il Superenalotto, la Lotteria/chi lo sa chi vince./Una schedina ogni settimana,/sono gi  trent’anni/e io aspetto ancora./Ogni settimana gioco,/apro la porta/e se un giorno entra,/io la ringrazio,/l’abbraccio, la stringo forte,/la bacio in fronte,/le bacio le mani./La fortuna esiste!/E’ cieca, non è cieca,/scende dal cielo,/esce dal mare,/non mi importa cosa fa!…/Signora Fortuna/ io sono qua.

In foto, il simbolo materiale della fortuna, l’Enalotto