stata presentata la stagione di concerti 2011-12 dell’Associazione “Scarlatti”, che preannuncia importanti eventi e l’arrivo a Napoli di straordinari interpreti. Si parte il 23 ottobre all’auditorium di Castel Sant’Elmo con il violinista Shlomo Mintz e il pianista Petr Jirikowsky in programma tre sonate di Beethoven, la n. 3 op. 12 in mi bemolle maggiore, la sonata n. 5 in fa maggiore “La primavera” e la sonata n. 9 in la maggiore op. 47 “Kreutzer”.

Il cartellone presenta un interessante incontro con la musica di Boccherini (27 ottobre 2011 Brunello baroque experience) e un ricco ventaglio di appuntamenti con la musica da camera (Trii di Schubert, Philip Setzer violino, David Finkel violoncello e Wu Han pianoforte, 3 novembre; integrale delle sonate di Beethoven per violoncello e pianoforte, Alain Meunier e Anne Le Bozec, 13 novembre; quartetto Savinio 8 dicembre; quartetto Belcea 1 febbraio; quartetto Artemis 16 febbraio; quartetto Emerson 1 marzo; quartetto Casals 8 marzo; quartetto Hagen 28 marzo; l’ultimo concerto vedr  Bruno Canino al pianoforte e Fabrizio von Arx al violino in un programma da definire ancora il 12 aprile )

Importanti gli appuntamenti con la grande musica sinfonica la settima Sinfonia di Beethoven, Spira mirabilis, 7 novembre; l’orchestra sinfonica del Venezuela, 28 novembre).

Gli appuntamenti dedicati al pianoforte inizieranno il 17 novembre con Roberto Cominati, pianista assai caro al pubblico napoletano, che eseguir  il secondo concerto dell’integrale di Ravel; il 24 novembre Andrs Schiff eseguir  musiche di Mozart, Mendelsshon, Haydn, Schumann e Beethoven. Il 15 dicembre sar  il turno del pianista Konstantin Lifschitz. Il 12 gennaio Katia Buniatishvili suoner  musiche di Haydn, Liszt, Prokof’ev e Strawinskij

Per la musica sacra segnaliamo il 21 dicembre Antonio Florio, alla testa dei Turchini, impegnati nell’esecuzione dell'”Adoratione de’ maggi” di Ctristoforo Caresana; il 26 gennaio Fabio Bonizzoni diriger  l’ensemble “La risonanza” alle prese con alcune cantate di Bach; il 31 marzo Helmuth Rilling diriger  lo Junges Stuttgarter Bach Ensemble nella Messa in si minore Bwv 232

Nel ricco cartellone non mancano incursioni nella modernit  il 19 gennaio saranno ospiti Danilo Rea e la tromba di Flavio Boltro; il 26 febbraio Philippe Herreweghe diriger  pagine di Kurt Weill; il 20 marzo ascolteremo musiche di Webern e Strauss dirette da David Grimal.

In foto, uno dei protagonisti della stagione, Shlomo Mintz