Al Teatro Nuovo si inaugura la stagione 2016/17 con un omaggio ad Annibale Ruccello, a 30 anni dalla sua scomparsa, con Isa Danieli in “Serata d’amore” regia di Manlio Santanelli, in scena dal 26 al 30 ottobre. Il cartellone dal titolo “Una stagione che d  spettacolo” annuncia 18 spettacoli, danza contemporanea, iniziative collaterali. Sullo storico e antico palcoscenico del Nuovo, che ha visto i primi passi nell’attivit  teatrale tra gli altri Totò e i fratelli De Filippo, si alternano nella prossima stagione Marco Paolini, Elena Bucci con Gaetano Colella e Marco Sgrosso, Petra Magoni con Pippo Delbono, Carlo Cecchi, Ottavia Piccolo, Spiro Scimone con Francesco Sframeli, Ascanio Celestini, Nunzia Antonino, Enzo Moscato.
Da ottobre a dicembre è protagonista ogni luned dal 24 ottobre al 12 dicembre la danza con Monday Dance, antenna della danza contemporanea della Campania, con Francesco Colaleo Maxime Freixas Francesca Linnea Ugolini in “Beviamoci su_no game”; Antonio Apicella e Ina Colizza in ” Bruise”; Sveva Scognamiglio in “Persona”; Mattia Russo e Antonio De Rosa in “Welloplace”; Francesca Amoruso in “Duende”. “Totò che tragedia!” è lo spettacolo di Natale, dal 26 al 30 dicembre, con il quintetto “I Virtuosi di San Martino”, voce violoncello flauto traverso violino chitarra, che opera nel rivisitare il repertorio della canzone popolare.
Lo spettacolo ripercorre, con parole e musica, oltre al tormentato amore per la ballerina di avanspettacolo Liliana Castagnola, l’attivit  artistica del Principe De Curtis al fianco di Liliana e nella rivista con Anna Magnani, i De Filippo, Aldo Fabrizi, Nino Taranto, Mario Castellano.

I Virtuosi propongono alla memoria degli anziani e alla conoscenza dei giovani il comico più noto del Novecento, Totò poeta autore cantante attore estroso, il principe della risata, dotato di esilaranti virtuosismi e di una mimica priva di parole comprensibile ad ogni latitudine.
Non solo comico ma anche drammatico in "Uccellacci e uccellini" con Pasolini, in Totò cerca casa, Totò terzo uomo, I due marescialli con De Sica, I due colonelli con Walter Pidgeou, I tartassati, Miseria e nobilt , Arrangiatevi, siamo uomini o caporali con Paolo Stoppa, L’oro di Napoli. Nella sua comicit  era capace di far riflettere sui disagi del suo tempo, sulle congruenze, sugli intrallazzi dei politici.
Il Teatro Nuovo, anche quest’anno come è sua tradizione, si impone con un cartellone colto degno di essere seguito. Merita attenzione l’omaggio a Ruccello e a Totò oltre a proporre i grandi tra cui la Piccolo, Danieli, Moscato, e attori e registi emergenti e in particolare la danza, spesso considerata la cenerentola da alcuni impresari e accettata solo da un pubblico colto capace di saper apprezzare il linguaggio muto della gestualit  e capire gli sforzi dei ballerini che si sottopongono a sacrifici quotidiani e privazioni dalla tenera et .

Per saperne di più
Teatro Nuovo – Via Montecalvario, 16 Napoli

tel. 0814976267

www.teatronuovonapoli.it

botteghino@teatronuovonapoli.it

In foto, Ottavia Piccolo