Lalineascritta 2016/17, laboratorio di scrittura creativa giunto al 24 anno, inizia oggi, luned 3 ottobre, presso Healthy, via Merliani 118 al Vomero, diretto da Antonella Cilento. Possono partecipare giovani, docenti e adulti di ogni et . Come è noto, è un percorso formativo, che amplia la conoscenza del mondo letterario, stimola alla scrittura narrativa, poetica, teatrale.

Può essere una palestra per diventare narratore, poeta, commediografo, drammaturgo.
Non è per chi afferma “leggo per addormentarmi” o “leggo solo a letto”, ancora peggio “la lettura non mi fa pensare e mi concilia il sonno”. La lettura serve per mantenersi svegli. Si legge per conoscere altre realt , imparare usi e costumi di altri popoli, capire il dramma esistenziale in cui altri sono ingabbiati in violenze, dittature, guerre civili. La lettura forma l’uomo libero, non schiavo dei tabù, amante della pace, del dialogo con chi ha altre culture, accettare l’altro diverso da lui per religione, preferenze sessuali, ideologie politiche, stile di vita, meno colto.

Per la donna, dotata di intuito, sempre alla ricerca di emozioni e novit  non solo nella moda trucco e cucina, la lettura, più della tv, è fonte di aggiornamento culturale che la induce all’impegno socio-politico, ad una migliore educazione dei propri figli.
Le suggerisce di evitare il maschio rozzo, volgare, privo di cultura, stupidamente possessivo e geloso da essere spesso violento e suo carnefice. La femmina, tra gli animali, sceglie nell’accoppiarsi chi le garantisce sicurezza per i piccoli. La donna deve evitare di assistere a violenze sui suoi minori, che non devono essere spettatori di maltrattamenti su di lei, e che non debbano rimanere orfani in tenera et . La parit  tra i sessi si raggiunge tra simili per educazione e cultura. Si impara ad ogni et . Shakespeare e Molière, poveri e analfabeti, hanno imparato a scrivere da adulti.

Con la Cilento laboratori di
dalla scrittura di s alla finzione narrativa; dalla pagina bianca alla storia; scrivere, riscrivere, reinventare; racconto, novella, tranche de vie; le misure della storia. Parole a manovella, ludoscrittura e giochi letterari con Marco Alfano. Una notte all’opera, laboratorio di opera lirica con Iole Cilento. Benedetta Gargano per Scripta volant, sceneggiatura tv. Il mestiere dell’editoria con Valentina Giannuzzi e Stefania Cantelmo. L’arte dello scrivere e del leggere i classici con Giuseppe Montesano. "Il tempo grande scultore" in collaborazione con l’Archivio storico del Banco di Napoli per la scrittura drammaturgica.

I laboratori facilitano la ricerca della sintesi eliminando ripetizioni di vocaboli e concetti, creazione di immagini. Cesare, scrittore primo corrispondente di guerra, scrisse veni vidi vici nell’annunciare la sua ardua impresa.
Lo scultore non aggiunge ma toglie per stupire con la sua opera. Il pittore non mette colori su colore. L’architetto svuota i volumi per renderli fruibili. Leopardi con solo 36 poesie, tradotte studiate anche in Inghilterra e Cina, prima della sua morte, stupisce ancora tutti. Un ampio manto giallo, come sipario, nasconde il dolore della Maddalena di Masaccio della morte dell’uomo che l’ha amata.
Nella Gioconda, la parit  tra uomo e donna, è nello sguardo e nei lineamenti duri del volto. La Piet  Rondanini non ha corpi e volti ben definiti per farli immaginare a chi guarda. In Fontana i sassi sono i tabù e i tagli invitano a guardare oltre le apparenze, parole, immagini. Caravaggio in “Le sette opere di misericordia” descrive umanit  e teatralit  del popolo napoletano. “La donzelletta vien dalla campagna, / In sul calar del sole/Col suo fascio dell’erba; e reca in mano/ Un mazzolin di rose e viole” e “Tu rosa, preta e stella, Carmè” sono foto; “io vulesse truv  pace;/ ma na pace senza morte” un grido soffocato di chi giace tra incubi “; “La pioggia nel pineto” ha nel verso ritmo e suono della pioggerellina. Segni muti, pochi versi emozionano, fanno meditare, parlano più di cento parole. Negli spazi di Healthy, durante le pause, si possono gustare squisiti succhi freschi di frutta e verdure stagionali. Mens sana in corpore sano.

Iscrizioni e info

www.lalineascritta.it

info@lalineascritta.it
laboratori@lalineascritta.it

In foto, Antonella Cilento e l’Archivio storico del Banco di Napoli con cui la scrittrice organizza l’iniziativa "Il tempo, grande scultore"