Ancora un’iniziativa dell’associazione culturale  Questa volta non si tratta di jazz. Domenica 25 febbraio  alle 20 sarà presentato il progetto The dark side of the mandolin  allo Spazio musica live in Piazza Museo Filangieri 247. Ci saranno: Mauro Squillante (mandoloncello), Gaio Ariani (mandolino), Valerio Fusillo (mandola).
Il progetto  nasce come esperimento musicale con un classico trio che reinterpreta la suite del  disco del gruppo musicale britannico Pink Floyd, The dark side of the moon pubblicato il 10 marzo 1973 negli Stati Uniti d’America dalla Capitol Records e il 23 dello stesso mese nel Regno Unito dalla Harvest Records.
Un concerto singolare che affascina lo spettatore non solo per le indiscutibili doti artistiche degli esecutori, ma per la capacità degli strumenti di rendere effetti e sonorità, realizzate nel disco originale grazie a sintetizzatori e apparecchiature elettroniche.
Ne è protagonista Mauro Squillante, specialista di plettri di fama internazionale,  motore di una mission: liberare il mandolino dalla sua stereotipa connotazione popolare e da un repertorio ormai inadeguato alle esigenze artistiche moderne.
Lo strumento si riappropria della sua identità classica per adattarsi a ogni tipo di repertorio. Ma The dark side of the mandolin nasce prima di tutto dall’amore di questi tre musicisti, Mauro Squillante, Gaio Ariani e Valerio Fusillo, per una band, i Pink Floid che appartengono ormai all’olimpo della musica, al di là di ogni etichetta.
Contributo ascolto concerto euro 10
Per partecipare all’evento si consiglia di prenotare inviando una mail a ornella_ falco@yahoo.it.