Le “beatitudini” di Bruno Del Monaco. Venerd 15 gennaio, alle 18 nell’associazione culturale Movimento Aperto (via Duomo 290/c, Napoli), si inaugura la personale dell’artista napoletano.
La mostra rester  aperta fino al 15 febbraio.
Del Monaco si dedica alla fotografia dalla fine degli anni sessanta e fa di essa il suo linguaggio, seguendo “sul campo” eventi politici e artistici. Le sue immagini e i suoi scatti gireranno il mondo, arricchendo eventi teatrali, pubblicitari, giornalistici e documentari. Allestisce e cura mostre. Scrive saggi di filosofia della fotografia e critica d’arte, per riviste d’arte e cultura, cataloghi e libri. Dal ’73 tiene conferenze, seminari,workshop, corsi di fotografia d’arte per l’Accademia Belle Arti di Napoli, dove nell’anno 2008/2009, è docente di “Tecniche di ripresa fotografica dell’opera d’arte”. Il suo lavoro e i suoi impegni si svolgono in molti paesi d’Europa.
In mostra 10 opere fotografiche di grande formato:”beatitudini”, stampate personalmente dall’artista su cartone telato, in esemplare unico, ed una cartella: “Di l  da venire”, composta da 24 lavori stampati su carta fabriano in tiratura limitata, e con la presentazione di Grazia Lago, che di lui scrive: “…Eclettico e irruento, raziocinante e mago, coesiste da sempre tra le atmosfere della mente, i giochi, le provocazioni dell’avanguardia, ed intime, profonde radici liriche…”.
Come si può rendere una sensazione, un’impressione e un sentire, immagine corposa e carica di sostanza? una domanda che trova risposta nelle opere di Del Monaco. Quei riflessi, quelle ombre che sussurrano rimandando sempre ad altro, a quel non detto ma scorto, scoperto e indagato dall’obiettivo. Colori, luci, oggetti e squarci di vedute che si lasciano dominare dalla volont  dell’artista, dai suoi giochi enigmatici e simbolici mentre si intrattiene in tempi silenziosi e in attimi che diventano eterni.
“Bruno Del Monaco, artista votato al massimo rigore formale, che fin da giovane ha cominciato a frequentare le esclusive latitudini dell’infinito, non solo è consapevole che l’ombra può rappresentare l’anima della propria persona, ma è anche abile a fare attenzione a dove cade l’ombra”, cos l’inizio del testo di Giuseppe Bilotta che introduce l’esposizione.

La mostra sar  visitabile nei seguenti giorni:
marted, mercoled, gioved, venerd, ore 17-19

In foto, opere di Bruno Del Monaco