Napoli, citt  metropolitana illumina d’arte alcuni dei suoi tanti luoghi storici in una serie di eventi culturali mostre seminari convegni fino al 7 gennaio 2016. L’idea intende valorizzare storia, cultura, architettura di certe realt  urbane scrigni di opere d’arte e il loro ruolo sociale con trasformazioni d’uso avvenute nei secoli e negli ultimi decenni. Il rimo appuntamento il 19 ottobre si è svolto allo storico caffè Gambrinus in piazza Plebiscito luogo di incontri tra intellettuali e artisti sede di manifestazioni di prestigiose manifestazioni, con la proiezione del documentario di Nicolangelo Gelormini che narra in 25 minuti attraverso immagini e brevi interviste, tra cui anche quella al sindaco De Magistris la storia dei luoghi scelti per la manifestazione.

L’evento entra nel vivo da gioved 29 ottobre con l’apertura delle prime due mostre alle ore 18 “Controluce 1991 2014” e “Volando sulla megalopoli” a Santa Maria la Nova. Esposizioni che mostrano momenti importanti di riflessione su ciò che Napoli è stata ed è e su ciò che sar  con testimonianze fotografiche della prima e con visioni utopiche proposte dalla secon fino al 7 gennaio 2016 presenta 60 fotografie e proietta altre 800, alcune delle quali mai viste prima, dell’archivio fotografico, dotato di oltre 400.000 immagini, dell’Agenzia Controluce sorto nel 1991. Foto di Mario Laporta, Carlo Hermann, Salvatore Laporta, Alfonso Di Vincenzo, Roberta Basile, Alessio Buccafusca, sulle tematiche della politica, criminalit , cronaca nera, lavoro, sport, spettacolo, cultura, vedute aeree di Napoli, tradizioni popolari del Sud Italia evidenziano l’antico ruolo di Napoli capitale. La mostra è accompagnata da un catalogo edito da arte’m con testi di Maria Savarese, Mario Laporta, Antonio Biasiucci, Fabio Donato e Cesare Accetta.

“Volando sulla megalopoli. Napoli Citt  Metropolitana”, sempre nel chiostro grande di Santa Maria la Nova fino al 7 gennaio, mostra varie possibilit  dell’utopia nella Citt .

Undici architetti hanno formulato visioni utopiche per la metropoli napoletana su tavole o su plastici. La mostra, in collaborazione con l’ordine provinciale degli architetti, vuole costruire un apparato iconografico della citt  “porta del mediterraneo” attraverso la storia moderna della sua crescita e della sua trasformazione urbana avvenuta dopo l’ultima guerra mondiale. Le due mostre saranno presentate in una conferenza stampa congiunta gioved 29 ottobre nella 12 nella sala del Consiglio metropolitano di Santa Maria La Nova.

Napoli, tra le citt  più bombardate d’Italia, è stata la prima a insorgere con poche armi, ma con tanti uomini donne ragazzi contro l’occupazione nazista tornando subito alle sue attivit  culturali con lo spettacolo “L’oro di Napoli” di Eduardo al San Carlo. Citt , patrimonio Unesco, con densit  abitativa (2606 ab/km) ricca di patrimonio monumentale culturale unico al mondo complessi religiosi, chiese, residenze reali, palazzi nobiliari, monumenti, castelli, architetture militari, resti archeologici, borghi antichi, centri storici, parchi, beni paesaggistici, è museo a cielo aperto vivo abitato visibile giorno e notte. Santa Maria La Nova, Piazza Santa Maria la Nova 44, Napoli (orari, 29 ottobre 2015 7 gennaio 2016, da marted a domenica, 10 – 18. Luned chiuso. Ingresso libero.

.Per saperne di più
www.illuminiamoimonumenti. it

Tel.081.2395666

Nella foto, un’immagine di Mario Laporta che sar  esposta nella mostra "Contorluce"; in basso, da sinistra, tavole di Carmine Piscopo e di Francesco Maria Gabriele Vozza per l’evento “Volando sulla megalopoli. Napoli Citt  Metropolitana”