Non solo teatro, ma arte e scienza si fondono per offrire a giovani e giovanissimi un’ampia gamma di iniziative. questo l’intento della ventitreesima stagione del teatro Le Nuvole, lo Stabile d’Innovazione per l’Infanzia e l’Adolescenza. La cooperativa Le Nuvole opera nel territorio napoletano dal 1985, proponendo a bambini e ragazzi uno sguardo sulla realt  e un momento di riflessione, invito alla crescita culturale e civile. L’educazione, argomento oggi fin troppo discusso e pubblicizzato anche da chi conosce poco e male questo settore, è una scommessa per il futuro dalla quale non ci si può sottrarre. L’originalit  della rassegna è rappresentata dalla mescolanza di linguaggi in cui il teatro diventa spunto per affrontare temi e problemi attuali, aprendo orizzonti di dimensione critica sulla realt . Ne parliamo con il direttore artistico, Giovanni Petrone.

Quali le novit  per la prossima stagione?

“Riproporremo una serie di spettacoli sia per i bambini che per le famiglie. L’acqua e la noce affronter  il rapporto madre/figlio. Per i più grandi è stata messa in cartellone una rappresentazione serale, in lingua inglese “Dracula”, liberamente tratta da Bram Stoker (compagnia The Play Group). La visione, come da tradizione, è sempre seguita da un dibattito in sala i ragazzi possono porre domande e soddisfare le loro curiosit , mentre i docenti ricevono un kit didattico con schede di lettura e materiali didattici”.
E i luoghi in cui si svolger  di programmazione?

“La contaminazione tra arte, spettacolo e scienza si realizzer  nel concreto con un itinerario di eventi che avranno come sedi i più importanti musei della citt . Al Madre ci sar  “Il giardino dipinto”, una installazione per i più piccini, unica nel suo genere con musiche, voci narranti, attori, colori, danzatrici per raffigurare “quadri in movimento”; “un’esperienza estetica che aiuter  i bambini nell’approccio con l’arte”. I piccoli dai tre ai cinque anni potranno scegliere anche di recarsi al Palazzo Reale per lo spettacolo Ballo a Corte, dove incontreranno la storia di Napoli, insieme con Ferdinando e Carolina. Capodimonte e Palazzo Reale saranno altre sedi per spettacoli divertenti e educativi. In primavera l’Anfiteatro Flavio e il Parco Archeologico di Cuma faranno da sfondo alle rappresentazioni Sangue e Arena e L’Oracolo della Sibilla Cumana”.
Il governatore Bassolino, ha annunciato la ristrutturazione e il rilancio del teatro dei piccoli di Edenlandia…

“L’attuale sede per gli spettacoli è un ex autoscontro adibito a teatro che ospita 520 posti.
Con una delibera della Giunta regionale sono stati stanziati più di quattro milioni di euro, con fondi comunitari del Parco Progetti Regionale. Il teatro dei piccoli fu costruito nel 1940, ricostruito dopo la guerra nel ’52, oggi è un rudere. Il progetto esecutivo sar  curato dall’Ente Mostra d’Oltremare e si prevede che entro il 2011 il teatro le Nuvole possa inaugurare la stagione nella nuova e ritrovata sede. “Sar  una casa della cultura per l’infanzia” ha annunciato il Governatore Bassolino. Il progetto preveder , inoltre, un percorso pedonale che collegher  via Terracina a Viale Kennedy con una strada di 270 metri, per consentire un più rapido accesso al pubblico evitando l’intero giro di Piazzale Tecchio”.
Come sar  articolata, quest’anno, l’offerta formativa per i docenti?

“L’offerta formativa per i docenti sar  inserita nel programma “Teatro Scientifico” che si svolger  presso la Citt  della Scienza. Tra le innumerevoli iniziative ci sar  un concorso di drammaturgia scientifica. E poi Vita da Nuvola, Come comincia una vita, “Nanometaformosi” (sulle nanoteconolgie). Visite guidate e molto molto altro ancora”.

Nelle foto, due scene dello spettacolo L’acqua e la noce

Per saperne di più, www.lenuvole.com