Fotografo e giornalista alla redazione napoletana dell’Unità. Diventa, con i suoi scatti,  protagonista della mostra ospitata al Maschio Angioino venerdì 20 ottobre fino all’8 novembre Con gli occhi di Mario. Un amarcord politico attraverso gli scatti di Mario Riccio, classe 1946, scomparso nel 2015. Immagini dal suo archivio degli anni ’70 e ’80  che ripercorrono circa venti anni di vicende politiche, sociali e culturali di Napoli e della Campania.
Una mostra  promossa dalla rivista Infiniti mondi, in collaborazione con l’assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Napoli e del Consiglio Regionale della Campania, che diventa occasione di riflessione su ciò che  è stato e ciò che  potrebbe essere nella nostra terra, partendo da figure centrali della politica che fu, come Enrico Berlinguer (foto con Valenzi, sindaco di Napoli), leader del Pci.
Spiega l’assessore Daniele  che  è uno degli artefici di questo evento: «Abbiamo messo a disposizione per questa mostra  le sale del Maschio Angioino, il monumento simbolo di Napoli, poiché sappiamo che l’eredita’ di Mario Riccio non è il patrimonio di una parte, ma un bene comune della città. Ringrazio dunque Infiniti mondi per questa occasione di riflessione sulla nostra città e sulla sua storia e, soprattutto, sulla figura di Enrico Berlinguer, un protagonista che avvertiva in tutta la sua portata la crisi delle ideologie e l’urgenza pressante che essa non travolgesse grandi idealità e facesse smarrire la consapevolezza della necessità di idee regolative, in grado di orientare grandi masse umane in cerca di dignità e opportunità».
All’inaugurazione di oggi, alle 17, partecipano: 
Gianfranco Nappi, Ottavio Lucarelli, Enzo D’Errico , Ottavio Ragone , Nino Daniele, Rosetta D’Amelio, Pietro Folena. Per saperne di più sugli incontri che si svolgeranno nell’amtisala dei baroni durante il periodo dell’esposizione scaricare il pdf dal link
 http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/33919