Sul palcoscenico del Nuovo Tetro Sanità di piazzetta S. Vincenzo riflettori accesi su una grande artista del passato, Ria Rosa. Da domani fino all’8 gennaio (venerdì e sabato ore 21, domenica alle 18). Un percorso che rende omaggio allla “cantante dei migranti”. Lo spettacolo è diretto da Rosario Sparno, interpretato da Antonella Romano e Rino De Masco, con la direzione musicale del maestro Giosi Cincotti, che sarà anche al pianoforte.
Anticonformista, contemporanea di protagoniste come Lina Cavalieri, Anna Fougez e Gilda Mignonette, Ria Rosa non aveva peli sulla lingua e non nascondeva, dietro l’ipocrisia, il suo dissenso contro il regime fascista. E per questo la sua vita non fu  facile nella propria città. Ma anche negli Stati Uniti, dove visse a lungo, manifestò ideali di giustizia quando furono condannati gli anarchici Sacco e Vanzetti: pensando a loro,  cantò il brano A seggia elettrica, divenuto poi Mamma sfortunata.
Spiega Sparno: «Definirei Ria Rosa un viaggio, ma anche una rivoluzione in musica, che parte da Napoli e arriva a NewYork. Lei è arte contemporanea, installazione che si colloca nella memoria, arte sfrontata che non teme il rifiuto. Ria Rosa è varietà brillante, intelligente e dissacrante».
Sciantosa del Cafè Chantant, napoletana registrata all’anagrafe come Maria Rosaria Liberti, debutta nel 1915 a 16 anni ed è subito contesa da impresari ed editori musicali per le sue capacità recitative e la voce scura e teatrale. Nel 1922 va in tournée a New York. Prima artista italiana a vestirsi da uomo per esibirsi in Guapparia, dal 1933 è ufficialmente emigrata in America. Antifascista e femminista ante litteram, contribuisce a diffondere l’idea di una donna più moderna e emancipata.
Il repertorio che sceglie si addice alla sua personalità: canta l’uguaglianza e la libertà; fuma, balla, si veste e trucca, nuotando controcorrente, infischiandosene del moralismo del tempo quando la donna era vista solo come  madre e moglie fedele. E per la sua trasgressività venne soprannominata “nonna delle femministe”.

 

Info e prenotazioni:

3396666426

info@nuovoteatrosanita.it

www.nuovoteatrosanita.it