Anche nel 2017, per la terza volta consecutiva, la Federico II di Napoli festeggia il suo compleanno (793 anni, per  essere esatti). Si comincia martedì 6 giugno, alle 18, al Real Orto Botanico di Napoli di via Foria, 223, con  l’iniziativa Orto sonoro. Un suono per ogni pianta. I giovani musicisti dell’Orchestra Scarlatti junjor (foto), diretti da Gaetano Russo, rievocheranno, singolarmente o in piccoli gruppi, la magia degli orti musicali tardo medievali e rinascimentali e dei giardini.
Mercoledì 7 giugno, alle 20.30, nell’Aula Magna del centro congressi di via Partenope, 36, si terrà la proiezione speciale del cineforum ShangriLa della pellicola di Pasquale Squitieri Stupor Mundi. Un lungometraggio sull’epica figura dell’Imperatore svevo, interpretato da un cast d’eccezione.
Venerdì 9 giugno, giornata clou, è proprio dagli studenti che partiranno i festeggiamenti, alle 15 nell’Aula Pessina, in corso Umberto I. Alle 16.30 nell’Aula Magna il rettore Manfredi con il prorettore Arturo De Vivo e i Presidenti delle 4 scuole dell’Ateneo premieranno i laureati illustri che quest’anno saranno Valerio Celentano (laureato in medicina e chirurgia), Renato Giordano (laureato in Ingegneria), Nicola Giuliano (laureato in giurisprudenza), Antonio Noto (laureato in sociologia), Francesco Piccolo (laureato in lettere) e Titti Postiglione (laureata in scienze geologiche). Saranno gli studenti meritevoli, premiati per le aree corrispondenti a quelle degli illustri, a introdurre gli ex federiciani.
Alle 17.30,  incontro con il Maestro Goran Bregovic, cui verrà anche consegnato un riconoscimento.  E alle 18, sullo Scalone della Minerva verrà inaugurato l’orologio della Minerva, che tornerà a scandire il tempo della Federico II. Nel  cortile del SS. Salvatore ci sarà un intermezzo musicale del coro polifonico universitario Federico II, composto da studenti, professori e personale non docente dell’Ateneo. Poi tutti in piazza del Gesù (dalle 20.30) con il concerto di Goran Bregovic & The Wedding and Funeral Band. Gli eventi sono aperti alla città.
«La missione con la quale è stata fondata la Federico II è ancora viva e attuale
– sottolinea Manfredi – La costruzione di una classe dirigente nella società come la nostra è fatta di tutti laureati che studiano nelle nostre aule che sono aperte al mondo. I giovani bravissimi che investono il loro futuro in questo Ateneo, devono avere la coscienza di relazionarsi con un’Università di tipo moderno, fondata su una antica e solida tradizione ma con lo sguardo al futuro».
Per saperne di più
http://www.buoncompleannofederico.unina.it/