Malaunit , il nuovo singolo di Eddy Napoli che precede il nuovo lavoro discografico in uscita ad ottobre, dedicato ai martiri delle Due Sicilie.

Eddy Napoli, che oltre al sociale da più di un ventennio sioccupa della questione meridionale sia nella vita artista che in quella privata, finalmente canta la protesta sudista nell’anno delle celebrazioni per il centocinquantenario dell’unificazione italiana.

La fine di un regno e di molte speranze, il massacro della gente del Sud (centinaia di migliaia di persone chiamate “briganti” e cancellate dalla storia), il saccheggio di banche e fabbriche, l’inizio di una questione meridionale prima del tutto sconosciuta (e ancora irrisolta) e di un’emigrazione biblica non ancora terminata: c’è tutto questo nell’ultimo lavoro discografico del cantautore Eddy Napoli, gi  voce solista dell’Orchestra Italiana di Renzo Arbore e figlio dell’autore della famosissima “Luna rossa” (Vincenzo De Crescenzo).

La voce è quella di sempre ma i temi non sono quelli soliti della canzone classica napoletana: quello di Eddy (in tutte le radio da domani con il singolo “Malaunit “) è un disco-progetto con un tour che porter  in giro (anche nelle scuole), insieme ad una musicalit  mediterranea e coinvolgente, verit  spesso ignorate dalla “storia ufficiale” e da celebrazioni che si preannunciano all’insegna di una retorica ormai sempre più lontana dai sentimenti soprattutto dei nostri giovani.

Senza luoghi comuni e senza mezzi termini, parlano i “briganti” che dopo diventarono “emigranti”, le loro donne e i loro figli, in brani che sanno emozionare e sanno raccontare la protesta di un Sud che non vuole più rassegnarsi.

E’ la storia in musica di un’unit  che fu fatta, che doveva essere fatta, ma che poteva essere fatta in altra maniera e innanzitutto fatta per bene.

I “meridionali” hanno bisogno di ritrovare radici e orgoglio per ritrovare la strada di un riscatto atteso da troppo tempo. Anche la musica, in questo senso, può dare un suo contributo importante.

Dice l’artista:

“Nella mia vita ho avuto l’opportunit  e la fortuna di girare il mondo, ho conosciuto emigranti meridionali negli Stati Uniti, in Australia, in Canada, in Argentina, in Germania, in Inghilterra, in Brasile, insomma ovunque.

Ciò che ho sempre letto negli occhi di quelle persone è un insieme di sentimenti e di identit  ancora confusi da un gene atavico, ma soprattutto uno stato d’animo “ricco” di tristezza. Ciò ha incentivato una mia necessit  pregressa relativa ad una domanda alla quale non trovavo una giusta risposta e ci: perch e come è potuto succedere che in tutto il mondo ci fossero tanti emigranti meridionali ? Quindi ho cominciato le mie ricerche che mi hanno portato alla scoperta di molte "verit  nascoste".

Oggi sono qui con una volont  irrefrenabile di raccontare, ma soprattutto con la mia coscienza che mi detta la necessit  di onorare e ricordare i nostri eroi, i fatti che ci hanno nascosto con una storia bugiarda scritta da "quei vincitori” che ancora oggi colonizzano la nostra terra “.

IL TESTO

NUIE SIMMO FIGLIE D”O SOLE E D”A NEVE

NUIE SIMMOCIELO NUIE SIMMO STI PPRETE

N’ARRAGGIAN’CUORPO A NU TIEMPO LUNTANO

CA A CCHI E CIENT’ANNE C’ABBRUCIA INT’E MANE

TIEMPO E NU VIENTO CHE NQUIETASTI FRONNE

TIEMPO E NU MARE CHE SMOVECHEST’ONNE

TIEMPEPASSATE,TIEMPE E STI IUORNE

TIEMPO C’ASCIUTTA E TIEMPO CHE NFONNE

MANE CHESCRIVONO E SPORCANOA STORIA

NFAME E ASSASSINI CHE SAGLIENO N GLORIA

MANE C’ARROBBANO FEMMENE E TERRE

E CHE PRETENNENO E TASSE E NA GUERRA

GUERRA C’ACCIRE CRIATURE E NNUCENTE

E C’HA REDUTTO STA GENTE PEZZENTE

GENTE D’AMMOREISTRUITA E BRILLANTE

PRIMMA BRIGANTE E DOPPO EMIGRANTE

O !

ME S FRATO TU A MME ?!

EDIMME PECCH

FIERRO E FUOCO PE MME

O !

… E S FRATO TU A MME ?!

… E NUN DIRME CHE D’

STA BANDIERA PECCH

NUN TENGO NIENTE A VED

TU PIEMONTESE, NU MIEZO FRANCESE

STIVE GUAIATO FRA DIEBETE E SPESE

S ADDEVENTATO GRAND’ OMMO E SOVRANO

CU E SORDE D”E BANCHE NAPULITANE

NUN CUNUSCIVENE’ ONORE E CRIANZA

PENZAVE SULO A TE REGNERE A PANZA

DICIVE CA IO NUN TENEVO NU DIO

MENTRE T’ARRUBBAVE TUTT’O SANGHE MIO

S STATO BRAVO A NVENTARTE NA GUERRA

CU A SCUSA CA SIMMO TUTTE FRATELLI

E SENZA MANCO NA DICHIARAZIONE

CACCIASTE FORE CHI ERA O PADRONE

TE S PIGLIATO CERTEZZE E SPERANZE

E NCE DATO SULO MISERIE E NGNURANZA

PO’NCE LASSATO, NA GRANDE ZAVORRA:

NDRANGHETA MAFIA MUNNEZZA E CAMORRA.

MALAUNIT MALAUNIT

MALAUNIT MALAUNIT

MALAUNIT MALAUNIT

MALAU            6                  «    oè è á«sptLlibrined dd dNIT MALAUNIT

O !

ME S FRATO TU A MME ?!

EDIMME PECCH

FIERRO E FUOCO PE MME

O !

… E S FRATO TU A MME ?!

… E NUN DIRME CHE D’

STA BANDIERA PECCH

NUN TENGO NIENTE A VED

MALAUNIT MALAUNIT

MALAUNIT MALAUNIT

CHI NCE LEVAIE VITA, AMMORE E MEMORIA

SONGO ABUSIVE INT”E LIBBRE D”A STORIA

STORIA CAROGNA CHE SPORCA CHEST’ARIA

STORIA BUCIARDA E CHI HA FATTO ST’ITALIA.

MALAUNIT

Nella foto, Eddy Napoli

*Associazione culturale “Passato e futuro”