E chi lo dice che a Scampia non vola nessuna colomba? Oggi, venerd 2 luglio (ore 18,30) nella Sala Consiliare dell’VIII Municipalit  di Napoli (viale della Resistenza comp. 12, nei pressi del commissariato di Scampia) viene inaugurata la nuova gestione della casa editrice Marotta & Cafiero. A guidarla Rosario Esposito La Rossa e Maddalena Stornaiuolo, membri dell’associazione Vo.di.Sca (Voci di Scampia), che in questa occasione illustreranno il nuovo progetto insieme a Tommaso Marotta (fondatore della casa editrice) e all’assessore alla cultura dell’VIII Municipalit  di Napoli Maria De Marco.

“Tra i vari libri che abbiamo pubblicato due mi stanno particolarmente a cuore Uno è "Al di l  della neve" di Rosario Esposito La Rossa e l’altro è "Dentro le vele" di Lorenzo Stabile. Sono entrambi due libri che sono nati dentro "Scampia". Vale a dire che i rispettivi autori non ne parlano per "sentito dire", ma perch a Scampia ci vivono e lavorano. Rosario Esposito La Rossa ci abita ed è impegnato in azioni di volontariato e nel sociale, Lorenzo Stabile è uno dei dirigenti della squadra investigativa del commissariato di Scampia” Tommaso Marotta

La Marotta & Cafiero è una casa editrice indipendente napoletana che si occupa di narrativa sociale e d’impegno con particolare riferimento alla citt  di Napoli. gestita totalmente da giovani di Scampia, quartiere tristemente noto per fatti di camorra. “Crediamo nel potere dei libri, nelle parole capaci di resistere ai soprusi, di distruggere l’oppressione delle mafie, di spezzare le catene dell’economia imperialista che mercifica oggetti, uomini e idee”. La casa editrice dedica particolare attenzione anche ai problemi del clima e dell’ambiente stampando libri su carta riciclata, salvaguardando cos le foreste e riducendo le emissioni di CO2.

“Intanto c’è da dire che la Casa Editrice passer  nelle mani di Rosario Esposito La Rossa e idi Lena Stornaiuolo. Hanno l’energia giusta e un progetto che mi convince. Quello di fare di questa sigla editoriale un centro d’iniziativa culturale” Tommaso Marotta

Questa giovane realt  imprenditoriale della periferia napoletana crede fortemente in un verso del poeta Pablo Neruda: potranno tagliare tutti i fiori, ma non fermeranno mai la Primavera. La Marotta & Cafiero unisce alla consueta pubblicazione di libri, numerose attivit  culturali dal teatro con la compagnia teatrale Vodisca Teatro, al cinema con il cineforum A.A.A., passando per le attivit  di volontariato sul territorio e l’impegno contro la criminalit  organizzata, aderendo a network come Libera. “Io metterò la mia esperienza al servizio di questa realt  nascente, e sto lavorando a un’idea su cui per il momento preferisco mantenere il silenzio. Intanto voglio ringraziare tutti coloro che nel corso di questi anni ci hanno dato una mano e hanno collaborato con noi. Dal loro aiuto e suggerimenti abbiamo imparato molto”Tommaso Marotta

In questa occasione viene presentato anche Mostri, l’ultimo libro di Rosario Esposito La Rossa, uno dei più giovani scrittori italiani, ha pubblicato il suo primo libro a 18 anni, "Al di l  della neve" (Marotta & Cafiero editori) una raccolta di racconti su Scampia, uno sguardo critico, dall’interno, su uno dei quartieri martoriati dalla camorra. E’ un libro di quaranta racconti sui diritti umani, storie che raccontano uomini, tragedie, speranze e fatti con gli occhi degli oppressi, degli ultimi, degli schiacciati dall’impero. Con questo libro si è aggiudicato il Premio Fabrizio Romano 2007 e il Premio Giancarli Siani 2008. Il ricavato del suo secondo libro "Libera voce, speranze, delusioni e canzoni dei ragazzi di Napoli" è stato devoluto per la ricostruzione di "Cascina Arzilla" bene confiscato alla mafia in Piemonte. Nel 2007 fonda a Scampia l’associazione Vo.di.Sca (acronimo di Voci di Scampia) in memoria di suo cugino, Antonio Landieri, vittima di camorra. Sempre a Scampia, ha fondato la "Fabbrica dei Pizzini della Legalit ". Ha partecipato al progetto teatrale "Arrevuoto" a cura del teatro Mercadante di Napoli e successivamente al progetto di impresa culturale "Punta Corsara". Una raccolta di storie sui diritti umani, che affronta temi scomodi, dall’infibulazione alla strage di Srebrenica, passando per il Kurdistan e la crisi del Medio Oriente. Mostri è anche un opera ecologica: usa carta riciclata e per ogni mille copie stampate verranno piantati 10 alberi nel Comune di Napoli.

“Una penna semplice, diretta alla portata di tutti, un amore per la verit , per una verit  proclamata pubblicamente”.

L’EVENTO/NAPOLI E IL FUOCO SENZA ANIMA

Il destino di Napoli cammina a Bagnoli. Luned 5 luglio, alle ore 19.00, all’Arenile si svolger  dibattito “Quale citt ” che prende spunto dal romanzo “Fuoco ai Quartieri Spagnoli” di Attilio Belli (Tullio Pironti Editore, Pagg.174, euro 12). All’incontro con l’autore interverranno Berardo Impegno, Massimo Lo Cicero, Fabrizio Mangoni, Nando Morra, Maurizio Zana            6                  «    oè è á«sptLlibrined dd dpG7e:EèHlèNO» OJe
tnRpeKKKYT DeS pHKL   e
ET pMS swe7E
7lKpDnK
rdi.
La trama.
Uno studente napoletano, esponente di un gruppo sovversivo, si rifugia a Parigi nei primi anni Ottanta per non essere definitivamente trascinato nella lotta armata. Torna nella sua citt  dopo venticinque anni, ossessionato dal mito del fuoco come forza purificatrice, forse anche rigeneratrice. Riguardare Napoli dopo tanto tempo si rivela un esercizio doloroso: fatica a riconoscersi in una realt  profondamente in crisi, nei diseredati, suoi vecchi riferimenti, e inciampa in una serie di individui ben più determinati di lui – terroristi islamici, camorristi, costruttori senza scrupoli, ultr , esponenti dei centri sociali, ragazze spregiudicate – che il fuoco lo vogliono sul serio. Nella citt  s’incrociano emozioni tristi e forme di violenza molto diverse tra loro e fuori controllo. Deve accettare amaramente che proporsi come badante della propria citt , ricorrendo al fuoco, è molto più difficile che farlo con cura per un vecchio aristocratico, diversamente abile. Il fuoco che avanza gli sembra un fuoco senz’anima. E la distanza con il nuovo terrorismo dilagante gli appare incommensurabile. I libri finiscono per diventare l’unica salvezza, ma anche una prigione. invalicabile.
L’autore
Attilio Belli, è urbanista e professore ordinario di Urbanistica presso la facolt  di Urbanistica dell’Universit  Federico II di Napoli. Ha pubblicato diversi volumi, tra cui: Citt  come sistema, 1970; Potere e territorio nel Mezzogiorno d’Italia, 1979; Il labirinto e l’eresia, 1986; Immagini e concetti nel piano, 1996; Come valore d’ombra, 2004; Non è cos facile, 2008. la prima volta che si misura con la narrativa.

Nella foto in alto, le Vele. In basso, la locandina dell’evento