Diciassette dicembre, finalmente decido di non fumare più, vado in uno dei centri di sigaretta elettronica, ne acquisto una. Ore dieci, gi  avevo fumato il primo pacchetto, certo mi rendo conto che non potevo smettere all’improvviso anche perch il mio corpo si era abituato alla nicotina, ne era dipendente, cos inizio con la elettronica scomoda sigaretta, mi guardo intorno mentre cammino e mi accorgo che una bella parte della mia citt  è alle prese con filtri, oli, carica batterie, ma decido di andare avanti, e cos dal 17 di dicembre non fumo più, ho scalato, con la nicotina da diciannove sono passato a zero.
Il fenomeno sigaretta elettronica continua, molti hanno smesso, ma la stragrande maggioranza l’ha comprata per poi metterla nel cassetto… gracie forse a campagne denigratorie… più volte mi sono sentito dire che la sigaretta elettronica fa male e io mi sono chiesto “Penso che far  male meno di quattro pacchetti al giorno di sigarette?”
Programmi televisivi, che parlano, parlano, discutono, senza dare nessuna risposta ben precisa. Come al solito solo paroloni incomprensibili, e io continuo dubbioso a farmi domande. “Ma il ministero della sanit  ( o qualche ministero preposto) non deve tutelare il cittadino? Allora perch non interviene e d  risposte precise? Ancora mi chiedo e faccio i miei conti, perch in trentacinque ann,i se non avessi fumato, avrei risparmiato una cifra astronomica, a conti fatti oltre trecentomila euro sono entrati nei miei poveri polmoni che meritavano un poco di riposo. Allora, per ringraziarli li ho portati alle Gran Canarie in vacanza. Con i soldi risparmiati in questi mesi ho fatto loro un regalo conducendoli in una zona calda, al mare. Credo che i miei polmoni mi siano stati grati. Nel frattempo molti hanno notato che anche il colore della mia pelle è cambiato, dal grigio fumo è diventata un poco più rosea. Anche i denti hanno ricavato beneficio da questa mia scelta. Allora, decido veramente di non fumare mai più, e andare in vacanze più spesso con i soldi risparmiati, certamente non mi permetterò mai di dire a qualcuno “Non fumare più, fa male” non voglio immaginare la risposta, ma un bel “Vietato Fumare” ogni tanto fa bene dirlo.
Io la mia scelta l’ho fatta da solo senza costrizioni o veti. Ho camminato facilmente verso il vietato fumare, nemmeno io me lo aspettavo, che dire? Va meglio con l’olfatto, meglio con il gusto nell’assaporare i cibi, meglio con le tende di casa. Insomma niente più odore rarefatto di catrame, nicotina e soldi andati in fumo. E pensare che più volte ci ho provato negli anni passati, cerotto, dieta, agopuntura classica e elettronica ma niente! Meno male. Auguro a tutti un meraviglioso VIETATO FUMARE.

Quattro pacchetti di sigarette fumati al giorno,spesa di venti euro, a fine mese, faccio i conti, sono seicento euro. Radiografie, il professore dice “E che vedo? E’ tutto nero di catrame.”

In alto, una sigaretta elettronica