Se il Premio Elsa Morante è sbarcato a New York con successo, resta a Napoli la sezione ragazzi. Da domani, 23 maggio, e fino a luned 25, la Citt  della Scienza ospiter  dunque l’edizione 2009.
Si comincia alle 11.00 conferenza di apertura con l’Assessore alle Politiche Sociali della Regione Campania, Alfonsina De Felice; il Direttore dell’IPM di Nisida, Gianluca Guida; l’Assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nicola Oddati; il magistrato Aldo De Chiara, il presidente dell’Assostampa Napoli Enzo Colimoro; il Presidente di Citt  della Scienza, Vittorio Silvestrini; ed il direttore del Premio, Tjuna Notarbartolo.
La scelta della location non è forse un caso, siamo a Coroglio, l’isola di Arturo non è lontana e ancora meno lontana è Nisida a cui il premio è legato a doppio filo.
Da anni ha collocato nel carcere minorile la biblioteca dedicata a Elsa Morante per portare i libri ai ragazzi che sono coinvolti attivamente anche nel premio come parte della giuria popolare e come giuria speciale del Premio Nisida, quest’anno dedicato a Roberto Dinacci, scomparso l’anno scorso a venticinque anni, che all’interno della segreteria di Luigi Nicolais seguiva molto attivamente i ragazzi del carcere. Sabato si fa tappa nell’istituto di pena minorile e proprio in quella biblioteca, alle 18.00, il presidente della giuria Dacia Maraini, incontrer  i giovani detenuti.
L’appuntamento con la premiazione è per luned, ore 11.00 a Citt  della scienza, saliranno sul palco i tre vincitori Kledi Kadiu, con “Meglio di una favola la mia vita” (Mondadori), storia del ballerino arrivato da Tirana stipato su una nave, che grazie alla sua passione per la danza è riuscito a vincere le diffidenze e lo sfruttamento; Ornella Della Libera con il suo “Florian del cassonetto, storia di un piccolo rom” (Rizzoli) racconta la storia vera di un bambino trovato in un cassonetto della spazzatura e adottato da una mamma rom, e Fabio Galati con Laura Montanari per “Il mio giornale, manuale per giornalisti in erba” di (Lapis), manuale di giornalismo per esordienti.
Con loro sul palco la scrittrice Dacia Maraini e una rappresentanza della giuria composta da Maurizio Costanzo, Antonio Debenedetti, Santa Di Salvo, Emanuele Trevi, Paolo Mauri, Nico Orengo, Teresa Triscari e Tjuna Notarbartolo (direttore della manifestazione).
I tre libri sono stati distribuiti nelle scuole campane a circa 1500 studenti che decreteranno il super vincitore. Investire sulle nuove generazioni vuol dire soprattutto questo educarle al sapere, trasmettere la passione per la cultura, come veicolo di integrit  e apertura.

Per saperne di più www.premioelsamorante.it