L’arte nasce dalle cose più insospettabili, persino dalle muffe che il duo TTozoi trasforma in schermi vitalissimi su cui proiettare l’immaginazione. TTozoi, il duo artistico tutto avellinese composto da Pino Rossi e Stefano Forgione, continua a esporre oramai senza tregua, lasciandosi catturare dalla magia che i quadri esprimono.

Dopo l’esordio al Castel dell’Ovo di Napoli nel marzo 2010, tornano nella citt  partenopea a Villa Di Donato (piazza Sant’Eframo Vecchio) venerd 25 marzo alle ore 18,30 con la mostra “L’estetica delle muffe”. L’esposizione a cura di Emanuele Emblema e Cynthia Penna, sar  visitabile fino al 30 aprile.
Eredi del movimento informale del 900, raccolgono il retaggio dai movimenti Gutai, Fluxus, Espressionismo astratto, Action painting e Spazialismo,

In mostra le loro opere pittoriche create attraverso la formazione e lo sviluppo di “muffe” sulla tela. Si tratta di una vera produzione di muffa sulla tela attraverso un procedimento che unisce la gestualit  dell’informale, la padronanza della materia gettata sulla tela, un’incubazione della stessa in cassa di plexiglass, un tempo di attesa in cui la natura interviene anch’essa ad espletare il suo ruolo sull’opera. L’opera fa il suo corso con la natura complice e fattrice del processo. L’artista ha il compito di interrompere o salvare il prodotto d’arte e di natura.

I TTozoi, come alchimisti del 21 secolo, scardinano il sistema tradizionale di pittura, cos come avevano fatto nel 20 i loro predecessori del movimento Informale, al fine di inaugurarne un nuovo rapporto di forze, costituito dal procedimento “naturale” che incide direttamente sull’opera d’arte e all’interno di essa.

In foto, le muffe esposte

LA NOTIZIA 1 – I MOTI DELL’ANIMO

Domani, sabato 26 marzo (ore 17.30) alla libreria Guida in via Merliani 118/120 al Vomero (Napoli), si presenter  il volume “I moti dell’animo” di Gianluca Faiella (Il Girasole Editrice). All’incontro, moderato da Christian Di Masi, interverranno Annella Prisco Saggiomo e Sergio Zazzera. Letture di Mariarosaria Riccio. Sar  presente l’Autore. Evento a cura di Monica Florio.

LA NOTIZIA 2/ LEONE DIALOGA CON L’ARTE
Torna Giuseppe Antonello Leone. Domani 26 marzo alle18 s’inaugura una nuova mostra dell’artista, un omaggio alla nascente galleria napoletana Fiorillo Arte in via Riviera di Chiaia,23, organizzata in collaborazione con l’associazione culturale Bellivergari e l’associazione le tre Ghinee/Nemesiache. Una esistenza vissuta per l’arte quella di Antonello,che sa far dialogare l’affresco con il bronzo, il mosaico con le vetrate, la pittura con la scultura, capace di vedere ed intravedere forme d’arte nel cielo e nell’asfalto, pietre erranti prendono forma,significato, espressione . Ecco nascere da oggetti d’uso quotidiano 33 antropomorfi, leggeri esseri in plastica costruiti tra il 2009, il 2010 ed 2011. Ultima produzione dell’ artista ultranovantenne che ha attraversato il secolo con leggerezza e consapevolezza. Alla serata inaugurale interverranno Luciana Arbace e Jean Blanchaert. Fino al 30 aprile.