Enormi, paurosi con denti affilati e aguzzi sono i dinosauri che hanno invaso Napoli e che saranno in mostra dal 31 ottobre al 27 gennaio 2013 al Real Albergo dei Poveri di piazza Carlo III.
L’esposizione “Days of the dinosaur”,con 51 dinosauri “vivi” in 12 scenari diversi, trasporter  il pubblico indietro di 250 milioni di anni, a Roma e Torino la mostra ha appassionato 300mila visitatori.
Un balzo nel tempo e ci ritroviamo nell’era giurassica dal gigantesco Tyrannosaurus (una tonnellata di peso) al più piccolo Archeaopteryx, dall’Ankosaurus al Triceratops allo Spinosaurus, incrocio tra un dinosauro e un coccodrillo con i denti più grossi dei suoi simili. In mostra anche il quasi sconosciuto animale, dedicato al fisico Walter Alvarez, mezzo formichiere e mezzo uccello, senza denti e con un solo dito, di cui si conosce bene poco, ma dal curioso e impressionante aspetto. I dinosauri tornano in vita grazie ad una sofisticata tecnologia che ha permesso di creare robot che sfiorano la perfezione. Un percorso tra luci, colori e suoni, essi palpitano, respirano e si muovono tra le riprodotte ambientazioni. Un team di paleontologi ha supervisionato la scelta delle specie, i movimenti e i comportamenti dei dinosauri che, in alcuni casi, sono i grado di muovere anche parti minute del proprio corpo come occhi, lingua e dita con un effetto di straordinario realismo.
La mostra è stata fortemente voluta dall’assessore comunale alle Pari Opportunit  e Politiche Giovanili Giuseppina Tommasielli, che, durante la presentazione, ha sottolineato il valore divulgativo, istruttivo, ludico e interattivo del progetto. «Un’occasione questa ha detto l’Assessore per stimolare negli studenti la curiosit  sui temi dell’evoluzione della specie mediante un’attivit  di approfondimento grazie all’aiuto di esperti paleontologi che mostreranno ai visitatori le tecniche usate durante gli scavi».
Inoltre sono intervenuti Fabio di Gioia, curatore italiano dell’esposizione, lo stesso che ha portato in Italia e anche a Napoli, “Body Worlds”; Lucas Capalbo exibition coordinator; Federico Amati responsabile della Best Union, e Marco Signore, uno dei più importanti paleontologi italiani, membro della Society of Vertebrate Paleontology, di The Dinosaur Society, della Paleontological Society e del British Museum of Natural History.
Imparare divertendosi è il motto della rassegna “Days of the Dinosaur” che ospiter  un DinoLab, un laboratorio interattivo per i più piccoli che potranno giocare approfondendo tutte le loro curiosit  scientifiche realizzare scavi, ritrovamenti fossili nei box ricolmi di sabbia e studi di pulitura delle ossa, affiancati nel lavoro dallo staff di professionisti, e infine potranno ricostruire lo scheletro del dinosauro.
In occasione di Halloween, mercoled 31 ottobre, sar  proposta al pubblico un’avventura sempre più mostruosa apertura straordinaria fino a mezzanotte (ultimo ingresso ore 23.00) e, per tutti i visitatori che si presenteranno con un travestimento in tema con la notte delle streghe e delle zucche al botteghino, uno sconto di 2 euro sul biglietto d’ingresso della mostra. Questa sar  un’occasione per divertirsi facendo solidariet  perch parte dell’incasso della giornata sar  devoluta alla UILDM Unione Italiana per la Lotta alla Distrofia Muscolare, Sezione G. Nigro, attiva a Napoli fin dal 1966, che si occupa dell’integrazione sociale di soggetti affetti da malattie neuromuscolari e da altre patologie genetiche.

Per saperne di più

www.daysofthedinosaur.it

Aperto dal gioved alla domenica e festivi ore 10 20 (ultimo ingresso ore 19)
prevendite su www.daysofthedinosaur.it e prevendite abituali
tel 800.90.70.80 (numero verde)

In foto, i dinosauri in mostra