Napoli si prepara all’Expo 2015, l’esposizione universale di Milano che da maggio ad ottobre sar  dedicato ai temi dell’alimentazione e del rispetto del pianeta.
EXPO ha gi  raggiunto, a due mesi dall’apertura, la quota record di 8,5 milioni di biglietti venduti.
Secondo il New York Times, sar  la prima meta tra i viaggi da fare nel 2015.
Un milione di biglietti venduti negli USA, 300 mila in Argentina e 2,8 milioni i cinesi attesi a Milano.
Non sorprende quindi la stima del Governo, secondo il quale EXPO 2015 varr  tre punti di Pil spalmati negli anni successivi, per un giro di affari indotto di 4 miliardi e 300 milioni nel settore culturale e del turismo e più o meno il doppio nel settore dell’agroindustria.

Da più di un anno palazzo san Giacomo è impegnato a valorizzare e promuovere l’offerta di iniziative programmate in citt  affinch i visitatori di Expo prolunghino la loro permanenza in Italia e scelgono Napoli come meta.

«Expo 2015 significa 20 milioni di persone che arriveranno a Milano, noi intendiamo intercettare il maggior numero di questi per portarli a Napoli», afferma Enrico Panini Assessore al Lavoro e Attivit  produttive del Comune di Napoli.
«Portarli a Napoli significa turismo, cultura, business e quindi affari e investimenti e fare lavorare la nostra industria e le tante attivit  legate all’enogastronomia. Abbiamo predisposto un programma, il primo blocco prevede 100 iniziative, coprendo abbondantemente tutto l’arco temporale di Expo. Napoli è citt  accogliente, citt  del cibo, della pizza e della dieta del mediterraneo. E’ una citt  che produce e che può investire, per questo nutriamo grandi aspettative da questo evento mondiale».
Conferenze, fiere, degustazioni, itinerari turistici e spettacoli sono pronti per partire e si arricchiranno con il passare dei mesi le nuove proposte, attraverso la chiamata di idee pubblicata sul sito del Comune di Napoli.
Le iniziative si terranno da marzo ad ottobre e saranno organizzate da realt  produttive, scientifiche, associative e culturali della citt  quotidianamente impegnate sui temi dell’Expo.
«Ci sono tre punti principali il caffè, la pizza e il cibo. Ho sempre sostenuto con il mio progetto artistico l’identit . Quando più l’identit  è forte più siamo universali», sono le parole dell’artista Lello Esposito (foto), testimonial della rassegna, impegnato nella realizzazione di un breve spot su Napoli.