Ci siamo. Pochi giorni ancora e la scugnizzeria sarà realtà ufficiale in un quartiere con il “bollino nero” come Scampia. Sabato 23 settembre,  alle 18, all’interno del Parco Prima Casa, via Circumvallazione Esterna 20 A, al confine  con Melito e Scampia, sarà inaugurata dai ragazzi dell’associazione Voci di Scampia la casa degli scugnizzi.
Uno spazio di 140 mq totalmente dedicato ai giovani del territorio (foto dell’esterno). Ospiterà una Piazza di spaccio di Libri: sarà la prima enolibreria di Scampia e Melito, dove potranno essere acquistati libri terroni, made in sud, ma anche prodotti tipici, miele, vino, artigianato locale e cd musicali. I “pusher” dell’associazione sono in fermento per vendere la prossima dose di creatività.
All’inaugurazione parteciperà la parlamentare melitese  Michela Rostan (Commissione Periferie) che sin dall’inizio ha sostenuto l’apertura di questo centro di formazione e che da tempo segue i ragazzi di Vodisca nelle diverse attività organizzate a livello locale e nazionale.
Tra i tanti progetti, segnaliamo la scuola di recitazione diretta dall’attrice Maddalena Stornaiuolo di Vodisca: «La nostra scuola – spiega- sarà aperta al territorio,  con prezzi popolari. Faremo workshop e stage con maestri del teatro italiano. Finalmente abbiamo un luogo dove la nostra compagnia potrà crescere».
La Scugnizzeria è uno spazio teatrale professionalmente attrezzato. Un luogo dove organizzare presentazioni di libri, cineforum, mostre fotografiche. Un centro di formazione per giovani con wifi gratuito, postazioni pc, teli chroma key per registrare Made in Scampia News – Il Tg delle Buone Notizie, un’area insonorizzata per registrare audiolibri e i podcast di Radio Scugnizzi. 50 mq per imparare, studiare e creare. Corsi di teatro, cinema, scrittura creativa, editoria, illustrazione, fotografia e tanto altro ancora.
Sabato interverrà anche Mina Welby, moglie di Piergiorgio a cui è dedicata una sala della Scugnizzeria, il Laboratorio Artigianale, spazio ancora in costruzione che darà la possibilità a grandi e piccini di sperimentare percorsi di legatoria, cartotecnica, tornitura del legno, manipolazione del cemento, pirografia, riciclo creativo, concrete design e gyotaku.
All’interno del laboratorio  anche tutti i macchinari della Fabbrica dei Pizzini della Legalità, un progetto della casa editrice terrona, siculo-campana Coppola Editore, macchinari che saranno finanziati dalla Fondazione Polis.
Ma non si esaurisce qui, l’idea e la sua realizzazione. «Questo è un progetto a lungo termine – sottolinea Rosario Esposito La Rossa, ceo della Marotta&Cafiero – avremo la possibilità di espanderci e dialogare col territorio quotidianamente. Una vera rivoluzione culturale per Scampia e Melito».
La sala la Timoniera accoglie, da mesi, una vera e propria redazione editoriale. Una stanza dove si progettano libri dalla A alla Z, libri ecologici, libri d’impegno civile e sociale.
Nella scugnizzeria c’è posto anche per  l’ospedale dei libri, laboratorio dove restaurare testi per l’infanzia. Un orfanotrofio per volumi destinati al macero. Con colla, forbici, cotone e tanta pazienza verranno salvati dalla spazzatura. E la Scugnizzeria sarà pure uno scoglio ecologico: centro di raccolta di oli esausti, pile, toner, lampadine e medicinali scaduti. Un esempio da seguire, in tutti i quartieri di Napoli.

Per saperne di più
vodisca@gmail.com
3283842929