L’inconscio, il desiderio rimosso, l’immaginazione il mondo dei sogni da sempre affascina perch nasconde e al tempo stesso rivela il segreto del “S”. Protagonista nell’arte, dove il più delle volte è raffigurato come un buco nero in cui si celano le ombre della coscienza è oggi al centro della ricerca pittorica di Daniela Nasoni (Varese 1975) che presenta una visione nuova della realt  onirica nella sua personale dal titolo “Al di l  dei sogni”, ospitata dalla filiale di Banca Sella di Nola, a partire da venerd 16 gennaio.
Sette dipinti, acrilico su tela, in cui il colore incanta il visitatore descrivendo il volto più innocente del sogno. Sono citt  fantastiche ma radicate nel reale che si fonde con la fantasia in una sintesi sorprendente, favole lette con l’occhio dell’adulto per un viaggio incantato nella terra dell’immaginario. Sulla tela forme allungate e fluide, come tese alla ricerca di nuovi equilibri, proiezioni dell’immaginazione che pesca nell’infanzia e nella gioia piuttosto che nell’oscuro, tipico dello stereotipo dell’artista maledetto che magari fa tendenza ma spesso rischia la caricatura.
"La felicit  è una scelta spiega Nasoni di fronte alle difficolt  possiamo decidere se continuare a soffrire o riemergere. Dare forme nuove alle cose e dipingerle con colori accesi d  il senso di una vita in crescita".
I dipinti sembrano rivisitare la metafisica in chiave infantile, dove per infantile si intende la capacit  di dare spago alla fantasia e rielaborarla, perch se dobbiamo immaginare una condizione di vita migliore occorre riappropriarsi dell’innocenza.
Occhi incantati non sono occhi ciechi, i soggetti si mantengono in equilibrio tra fantasia e realt , suscitano malinconia per il tempo perduto dell’incanto ma allo stesso tempo dicono che quel tempo può essere ritrovato. Non a caso nel curriculum di Daniela Nasoni compare un’esperienza didattica legata ai giovanissimi che "riescono a cogliere la personalit  dell’artista ed il senso del suo agire perch sono privi di quei pregiudizi che invece annebbiano il nostro sguardo". Lei stessa ha respirato l’arte sin da bambina e ne ha fatto poi una ragione di vita.
La mostra è a cura di MonnaLisa Salvati, responsabile in Campania per l’associazione Studio7, rete di curatori e artisti di tutta l’Italia.

Nelle foto, due lavori di Daniela Nasoni

Daniela Nasoni Al di l  dei sogni
Dal 16 gennaio al 20 febbraio
Banca Sella, Piazza Pollio Clemenziano 7, Nola
Orari lun-ven, ore 8.30-13.30 e 14.45-15.45

LA PROSSIMA MOSTRA

Nuovo appuntamento con Studio7 “Le straordinarie venture di un uomo qualunque “, di Sergio Luzzi, ospitata nella sede della filiale Banca Sella Sud Arditi Galati (Corso Europa, 8G Avellino) da marted 20 gennaio fino al 20 febbraio 2009 (orari lun-ven, 8,30/13,30- 14,45/15,30). Otto i lavori a spatola su tavoletta che tenteranno di strappare un sorriso a chi ha voglia, per un attimo, di immedesimarsi nella gente comune intenta a destreggiarsi e a districarsi nella routine quotidiana.

Per saperne di più www.associazionestudio7.it