…Vurria turn  addù te, pè n’ora sola, Napule mia

vurria…vurria…vurria… ma stongo ‘ncroce !…

Il canto/melopea, ormai, è fernuto!

e vuje, popolo, di lacchè, site rumaste

‘ncantate, addurmute…

continuando a confondere

il sogno con la realt !

Ma cumme facite ‘a rummanè immobili,

statici al potere, mentre intorno tutto

precipita, sprofonda, cambia:

“adesso s’adda aspett !?”

… Ma cosa?!…

Remember Samuel B.?

Piglia ‘na corda!, damme ‘na corda!…

Re/corda/re, Jesu Pie,

quod sum causa tuae viae,

ne me perdas illa die.

Piglia ‘na corda!, damme ‘na corda!…

Re/corda/re, Jesu Pie.

Piglia ‘na corda!, damme ‘na corda!…

pesti anti pestantum pesti anti pestantum

Durmite, durmite:

è meglio accuss…

il sogno/hypnos non fa vedere e sentire nulla.

l’alibi, di voi vili, per fuggire dalla realt .

Piglia ‘na corda!, damme ‘na corda!…

Re/corda/re, Jesu Pie.

pesti anti pestantum pesti anti pestantum

Scappate, fuggite – qualcuno, solo col pensiero –

perch colpevoli d’aver imbarbarito questa citt !…

Fujte/venne, non per trovare nu poche ‘e pace…

Scappate/venne, perch inseguiti

da un esercito di topi, parassiti come voi,

zoccole/nere, che sta invadendo le strade, le agor .

‘E vicule song addiventate scarrafunere!…

Smarriti, perch Napoli stessa

sta fuggendo via da s,

dopo essere stata de/nudata nel buio della notte.

La nuttata: complice, da sempre, di voi vermi.

‘E rame ca nun servono, i’ ‘e ttaglio,

diceva il giardiniere ‘e Riccardo, ‘o rre,

accuss permett’ ‘a chille ca me danno

‘bboni frutte, ‘e vivere!…

Quaerens me, sedisti cassus,

redemisti crucem passus,

tantus labor non sit cassus.

Piglia ‘na corda!, damme ‘na corda!…

Re/corda/re, Jesu Pie.

Tutt”e parole perdute mmiez”a via…so’ venut’a casa mia…

Il mattino si riempie di voci…

Aneme sperze cumme Fujenti ‘a Maronn”e ll’Arco…

What bloody man is that?

Ma nulla accade…

Nada ocurre, Nada ocurre

I mormorii – voci, grida, canto, parole – giù per le scale

danza di una felice miseria…

epidemica et contaminante

Ascolta, Ascolta, Ascolta…

Escucha, Escucha, Escucha…

Ma nulla accade…

Nada ocurre, Nada ocurre…

Althnopis metropoli-litoranea in abisso…

Intellettuali al Cloroformio…

che pe’ vulo ‘e lardo, vasano ‘nculo ‘o puorco…

…vigliacchi che uccidono con un bacio…

…wine/blood…

labirintica citt  speculum perverso

trompe-l’oeil

il cui corpo è una folla spaventata.

Docile non sarò!

C’è veleno, rabbia, morte nelle mie parole.

Nelle parole di Partenope: pro/genitrice di Neapolis.

Genitrice di corrotti, di ignoranti, di superstiziosi….

Docile non sarò!…

Piglia ‘na corda!, damme ‘na corda!…

Re/corda/re, Jesu Pie.

pesti anti pestantum pesti anti pestantum

…Vedi Napoli e poi muori… Se deceva ‘a ll’ebbreca antica.

E per voi, cadaveri di morti,

il mio canto/melopea è gi  diventato:

Re(li)quiem!…

testo depositato c/o SIAE Napoli – sezione DOR – nel 2007

*Diplomato al Conservatorio e laureato in Antropologia. autore e regista teatrale. all’ universit  Benincasa di Napoli è assistente di Enzo Moscato e docente di drammaturgia napoletana del secondo ‘900. Ha pubblicato, tra gli altri, Oleograf(f)ia Napolitana, L’Es/tradizione degli opposti nel teatro rituale di Annibale Ruccello. Tra i testi firmati, SEqueNZA, Festa a mmare, Padiglione Sorveglianza e dei video Ma/donna delle Galline, Annibale Ruccello assoli.

S/fregio di Domenico Sabino
De/scrittura rivolta a Napoli in cui l’oleografia classica si svuota diventando suono, rumore disarmonico e dissonante. Poetico dis/canto sospirato e/o invocato, che simbolicamente assurge a grido, urlo (l’Howl di Ginsberg?), scagliato con forza contro ogni forma di stereotipo e convenzione. Una sequela di immagini da ascoltare!

Nella foto, "Spray" di Roy Lichtenstein (1962)