Tra spirito e corpo. Attrice dall’energia vulcanica per nascita (è nata a Torre Annunziata, sotto la sonnacchiosa sagoma del Vesuvio) e per vocazione, Gea Martire propone al pubblico del nuovo teatro Sancarluccio, da gioved 29 gennaio a domenica 9 febbraio il monologo “Vulo”, spettacolo realizzato con Antonio Capuano che ne cura anche la regia.
Nota ai telespettatori per la presenza in fiction di successo come “un posto al sole” e “Un medico in famiglia”, Gea, che ha scelto la strada del palcoscenico dopo aver lavorato come sociologa, abbraccia con affetto e dedizioni personaggi femminile destinati a travolgere la platea, conquistandola a colpi di risata. Ci riuscir  sicuramente pure Maria Immacolata, protagonista di “Vulo” alle prese con il fantasma di zia Angelina che l’ha gi  condannata per la sua irrefrenabile inclinazione a lasciarsi soggiogare da istinto e sensualit . Per espiare le sue colpe si lancia in missione a Lourdes come dama di carit  e l attraverser  la prateria dell’imprevisto.

La sua capacit  di tessere un filo indissolubile con gli spettatori la vede impegnata anche nella terza edizione del Teatro cerca casa, ideata da Manlio Santanelli e coordinata da Livia Coletta e Ileana Bonadies, dove interpreta proprio un testo di Santanelli gi  portato in scena con Tosca d’Aquino, “Sono tutte belle le mamme del mondo”.
Nei salotti napoletani dove si esibisce, Gea riesce a differenziarsi nei due ruoli materni con straordinaria efficacia veste i panni della madre del carabiniere Aurelio (in austero chemisier blu, è una vedova che sbarca il lunario come siringaia) e anche quelli di un’esuberante "femmena" (in leggings neri e blusa sgargiante) che trepida per il figlio delinquente Gennarino, incoraggiandolo e assistendolo nella sua escalation criminale. Due donne unite da uno scenario metropolitano desolante e dal culto per un uomo, San Gennaro, cui hanno dedicato un altarino fatto in casa. A lui affidano i due ragazzi, legati da un unico destino, pur se da posizioni differenti… Prova sancita, ogni volta, da calorosi applausi.

Vulo
dal 29 gennaio all’8 febbraio 2015 Gea Martire in Vulo al Nuovo Teatro Sancarluccio, via San Pasquale a Chiaia 49- Napoli
Per saperne di più
tel.08141104467
suoniescene@libero.it

//ilteatrocercacasa.it/site/

In foto, la locandina dello spettacolo
Tel 081 410 44 67 – 081 544 88 91 – Mail