Destinatario sconosciuto suggella la collaborazione tra il Goethe Institut di Napoli e il Nuovo Teatro Sanità. Sabato 24 marzo alle 21 lo spettacolo va in scena per la prima volta a Napoli proprio sul palcoscenico di piazzetta San Vincenzo. Adattato e diretto da Rosario Tedesco, il testo è interpretato da Nicola Bortolotti e dallo stesso Tedesco (foto). Con loro,  ensemble vocale del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, diretto da Carlo Mormile.
Prodotto dal Goethe Institut Neapel con Bartolotti e TedescoDestinatario sconosciuto è ispirato al romanzo Adress unknown della scrittrice statunitense Kathrine Kressmann Taylor, pubblicato nel 1938. Un inquietante squarcio sulle persecuzioni razziali che  prendono piede nella Germania di quegli anni.
E’ uno scambio di lettere fra due amici e partner d’affari che vivono in situazioni storiche e politiche diverse: uno, ebreo, è rimasto negli Stati Uniti, mercante d’arte come l’altro socio.
Il secondo, tedesco, torna in patria e  si avvicina all’ideologia hitleriana. Il carteggio tra i due rivela il senso profondo dei cambiamenti che di lì a poco sconvolgeranno l’Europa intera. La lontananza, dapprima solo geografica, cresce fino a far trasformare le parole in armi letali.
La musica si intreccia con il testo, formando un corpo unico. l primo brano, Bona nox di Mozart, descrive, con tutta la sua leggerezza e scanzonata goliardia, la Germania prima del nazismo; segue  Hindemith, La Biche (su testo di Rilke), esempio di quella entartete Musik (musica degenerata), che mostra il lato oscuro della censura e il vero volto del regime; il terzo e ultimo brano è di Ilse Weber, Wiegala, lugubre ninna nanna che ci conduce  sulla soglia delle camere a gas dove si spensero anche i sogni dei bambini.

Replica domenica 25 marzo alle 18, per info e prenotazioni3396666426 oppure all’indirizzo email info@nuovoteatrosanita.it
 Il biglietto costa 5 euro.
www.nuovoteatrosanita.it